Crocetta a carro armato sulla Sac per l’aeroporto di Catania

di Vittorio Spada Si dovrebbe esordire affermando “Niente di nuovo sul fronte di Catania” in merito alla Sac, la società di gestione dell’aeroporto di Fontanarossa. Ma nel capoluogo etneo non vive Erich Maria Remarque e lo scrittore tedesco ha conosciuto e descritto solo le tragedie della Prima Guerra mondiale e non le guerre che da anni animano l’interno e l’esterno della società di gestione aeroportuale catanese. Guerre antiche e nuove, ma sempre con gli stessi obbiettivi: appunto, la gestione di un ente (i cui soci sono Enti pubblici) che rappresenta…

Leggi tutto

O “bello” ciao, ciao, ciao…

di Salvo Barbagallo Forse Matteo Renzi non se ne è reso ancora conto, oppure è il contrario, cioè che ha compreso bene che il suo tempo è scaduto, o, forse ancora (come abbiamo detto in precedenti articoli in momenti non sospetti) quel che doveva fare l’ha fatto e il rimanente gli interessa poco. Ma, cosa ha fatto di tanto importante che, probabilmente, è sfuggito ai più, o ai “non addetti ai lavori”? Quale era la vera “mission” di Matteo Renzi? Noi possiamo fare soltanto ipotesi di fantapolitica, sicuramente campate in…

Leggi tutto

I bluff del politichese Crocetta

di Luigi Asero   Interviene duramente il governatore Rosario Crocetta commentando l’annuncio del Movimento 5 Stelle Sicilia di voler destinare trecentomila euro alla costruzione della bretella temporanea in territorio di Caltavuturo per il collegamento con la A19, il cui viadotto Himera è collassato già alcuni mesi fa, soldi dei 5 Stelle che, ricordiamo, sono provenienti dalla loro rinuncia a parte del loro compenso da deputati regionali.

Leggi tutto

Renzi: quel che doveva fare, l’ha fatto

Di Salvo Barbagallo Il premier Matteo Renzi con i suoi atteggiamenti dell’ultima ora probabilmente ha voluto lanciare un messaggio, non si comprende bene a chi e con quale contenuto. Ma questa è soltanto una “interpretazione” soggettiva tendente a dare una spiegazione “plausibile” all’apparente disinteresse mostrato per lo spoglio delle schede (e del risultato delle urne) mostrandosi apertamente a giocare con la playstation e dopo con il “volo” in Afganistan. Una forma di certo inconsueta di dire “grazie” a quanti si sono spesi per conto suo, e dopo del PD, nella…

Leggi tutto

La tela del ragno di Matteo Salvini

Di Salvo Barbagallo No, Matteo Salvini non è sbarcato in Sicilia attraversando lo Stretto a nuoto come ha fatto Beppe Grillo il 9 ottobre del 2012 (sembra trascorso un secolo da quell’impresa!): Salvini ha preferito l’aereo, un mezzo più riservato, tranquillo e meno appariscente. Allora Beppe Grillo non si era reso conto che aveva anticipato i tempi, non poteva prevedere che quello poteva essere il destino dei Siciliani per raggiungere il Continente o tornare nell’Isola: a quell’epoca, infatti,

Leggi tutto

Renzi, “Serenata a Vallechiara”

Di Salvo Barbagallo Matteo Renzi (11 gennaio 1975) presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana dal 22 febbraio 2014 e segretario del Partito Democratico, eletto alle elezioni primarie dell’8 dicembre 2013, deve essere sicuramente un appassionato cinefilo (dizionario Sabatini Colletti, Cinefilo: che ha passione per il cinema e per tutte le attività ad esso connesse) e anche, vorremmo aggiungere, appassionato di musica, forse patito di jazz. Nulla da ridire, anzi. Si possono ben apprezzare le sue scelte. Per la vacanza personale e della sua famiglia Renzi ha scelto le…

Leggi tutto

Pd, quasi ottocentomila voti in meno ma per Renzi è tutto “ok”

Di Salvo Barbagallo     Elezioni in Emilia Romagna e Calabria, dopo il voto: in realtà hanno perso tutti e anche se qualche compagine – la Lega – ha fatto notevoli passi avanti alla fine rischia di restare isolata, senza possibili alleanze. Il PD ha perduto quasi ottocentomila voti, l’astensionismo è salito alle stelle? Tutto è irrilevante per Matteo Renzi,

Leggi tutto