Messaggio di Garibaldi a Abraham Lincoln

Di Santi Maria Randazzo Nel pieno della guerra su secessione americana, siamo nel 1863, Giuseppe Garibaldi scrive ad Abraham Lincoln, sedicesimo Presidente Americano, per manifestargli il suo sostegno morale e politico per la lotta che sta conducendo Nel mentre era in corso la guerra civile americana che vedeva contrapposti gli Stati del nord e del sud, Giuseppe Garibaldi volle inviare un messaggio di solidarietà politica ad Abramo Lincoln mentre era impegnato in quella difficile guerra. Così Garibaldi scrive a Lincoln da Caprera il 6 agosto 1863: “ Se in mezzo…

Leggi tutto

Il recupero urbanistico degli antichi borghi siciliani

Di Giuseppe Smedile Interventi di restauro dei Centri storici medioevali, valorizzazioni e ripristino valori abitativi strutture rurali/cultura contadina in tempo di pandemia post COVID-19 Nel versante orientale della Sicilia la maggior parte delle abitazioni rurali  da ristrutturare sono successive al devastante terremoto del Val di Noto del 9 e dell’11 gennaio 1693 ( U terremoto ranni)  che distrusse tutta la fascia costiera definita oggi Val di Noto .  Ci sono però alcune zone specifiche all’ interno della Valle dell’Alcantara in particolare modo piccoli Borghi , villaggi rurali e paesi di…

Leggi tutto

La grandezza dei castelli di Sicilia in Età Angioina

di Santi Maria Randazzo Quale può essere considerata come la fonte più affidabile per stabilire con certezza qual’era durante il periodo di dominazione angioina della Sicilia la grandezza e l’importanza dei castelli siciliani ?  Dopo accurate indagini e verifiche, siamo arrivati alla conclusione che le dotazioni di personale e di vettovaglie che venivano disposte annualmente dal Provvisor Castra di Sicilia ( nel 1276 tale ruolo veniva ricoperto da Bertrando Artus) come dotazione dei castelli siciliani era da considerare la fonte più attendibile per stabilire l’importanza delle strutture castellari siciliane. Naturalmente…

Leggi tutto

Le prime chiese cristiane in Sicilia

di Santi Randazzo Anche in Sicilia si cominciano a costruire edifici di tipo basilicale, con strutture sia mononave che organizzate su aule tripartite, solo dopo l’inizio dell’impero di Costantino il Grande, nel corso de IV secolo d.C., per l’impulso alle nuove costruzioni che venne dato da Costantino a seguito dell’innalzamento della religione cristiana a religione ufficiale dell’impero romano. Le nuove chiese costruite in Sicilia vennero realizzate utilizzando, a volte, le strutture di preesistenti edifici pagani o realizzandole nell’area  dei siti di quegli antichi templi pagani che vennero distrutti per far…

Leggi tutto

Le Vie Aleramiche, Normanno-Sveve

Il DNA per riscoprire un’immigrazione dimenticata: un’importante studio sul DNA riguardante le emigrazioni europee evvenute in epoca medievale.   La ricerca ha come obiettivo dimostrare scientificamente gli spostamenti di popolazioni del nord Italia (Piemonte, Ligiria e Lomabrdia) verso la Sicilia,  avvenute nel 1100 d.C Il progetto “Le Vie Aleramiche, Normanno-Sveve”, con il supporto della Federazione Euro-Mediterranea, dopo aver approfondito gli aspetti linguistici, toponomastici e culturali, si avvarrà di un’importante ricerca demo-genetica, già espressasi in forma pionieristica nel 2016, che ha lo scopo dichiarato di scovare tracce, più meno celate, di una…

Leggi tutto

L’ultimo viaggio di Enrico Mattei a Gagliano

Di Santi Maria Randazzo Già dal 1961 il Presidente della Regione Sicilia, on. Giuseppe D’Angelo, si era posto come obiettivo politico-sociale ed economico nella trattativa che stava conducendo con Mattei quello di far si che il metano estratto a Gagliano potesse costituire il volano affinché in Sicilia pervenissero investimenti che impiegassero risorse che favorissero la crescita e lo sviluppo socio-economico della Sicilia, evitando che l’isola venisse considerata mera terra di conquista. Rispetto al perseguimento di questo obiettivo D’Angelo trovò in Mattei l’uomo e l’alleato giusto al fine di realizzare questo…

Leggi tutto

La Nobile Baronia Sardo delle terre di Motta Camastra

di Gaetano Consalvo Conoscere il prof. Luca Sardo Giambonino è stato sicuramente per noi un grande privilegio . Dalla lontana città di Torino dove vive ed insegna Storia medievale, è venuto in contatto con noi visitando la sede dell’Istituto per la Cultura Siciliana di Motta Camastra in occasione del lavoro di ricerca delle origini della sua nobile casata che stava effettuando nel territorio. Luca Sardo Giambonino ama fregiarsi del titolo di “Barone della terra della Motta di Camastra“ (anche se “senza terra”, come tiene a precisare). La famiglia Sardo, annoverata…

Leggi tutto

1948: dialogo (non ufficiale) tra PCI e Salvatore Giuliano?

Di Santi Maria Randazzo Nel corso di una prima concitata seduta al Senato in data 26 ottobre 1948 si era registrata una vivacissima polemica tra il Ministro dell’Interno Mario Scelba e il senatore del P.C.I. Girolamo Li Causi, a seguito delle affermazioni di Scelba che accusava il P.C.I. ed in particolare il senatore Girolamo Li Causi di convivenza con Salvatore Giuliano e la sua banda; Li Causi, nel definire Scelba uno spudorato mentitore, aveva invitato il ministro dell’Interno a mostrare le prove di quanto affermato. Scelba aveva risposto a Li…

Leggi tutto

17 giugno 1945: l’assassinio di Antonio Canepa

Di Salvo Barbagallo Il 17 giugno è la data che ricorda l’assassinio di Antonio Canepa, avvenuto in un dimenticato e lontano 1945, in una Sicilia che stava lottando per avere la sua indipendenza. Gli storiografi “ufficiali”, quasi tutti di una certa e identificata portata politica, hanno mostrato costantemente una faccia ambigua del periodo 1940/1950 che caratterizzò la vita dell’Isola e della sua collettività, evitando scientificamente di approfondire avvenimenti che avrebbero avuto una fondamentale incidenza non solo sul futuro dell’Italia, ma anche di tutti i Paesi coinvolti nel Conflitto mondiale. Anche…

Leggi tutto

La Comunità TerraeLiberAzione ricorda Antonio Canepa

Il 17 giugno, da un quarantennio, la Comunità TerraeLiberAzione –coi martiri dell’EVIS- ricorda tutti i Martiri caduti -in ogni Tempo- per la Libertà del Popolo Siciliano. In questo 2021 lo farà una delegazione alle ore 11 portando rose rosse e fiori gialli di campo al Sacrario-viale degli uomini illustri, cimitero di Catania- in cui “riposano” il partigiano Comandante Canepa, il partigiano caporale Carmelo Rosano e i giovani partigiani Lo Giudice e Ilardi. Nel nostro quarantennale lavoro di ricerca sul cammino politico e umano di Antonio Canepa (1908-1945) – il “professore…

Leggi tutto

7 ottobre 1884: tromba d’aria devasta Catania

Di Santi Maria Randazzo Il 7 ottobre 1884 una Tromba D’Aria, partita dal territorio di Motta Santa Anastasia devastò Catania procurando danni enormi e mietendo vittime tra la popolazione della città capoluogo di provincia; su questo disastroso evento in data 12 ottobre 1884 il Prof. Orazio Silvestri scrisse una relazione che venne pubblicata sul Corriere Di Catania il 21 ottobre. I contenuti tecnici della relazione del Prof. Silvestri furono, successivamente, contestati dal Prof. Damiano Macaluso in una relazione presentata all’Accademia Gioenia in data 23 novembre 1884 a cui seguì una…

Leggi tutto

Gli irrisolti misteri sulla “morte” di Salvatore Giuliano

Di Santi Maria Randazzo PERCHE’ IL MITRA DEL CARABINIERE RENZI, E SOLO IL SUO, AVEVA O AVREBBE DOVUTO AVERE IL SILENZIATORE ? Nella interminabile ricerca della verità in merito alle dinamiche che portarono alla morte di Salvatore Giuliano, o di quella “ messinscena” che alcuni ipotizzano sia stata artificiosamente rappresentata per nascondere la verità, uno degli elementi che autorizzano ad ipotizzare che la versione ufficiale dell’accaduto non corrisponda alla realtà dei fatti deriva proprio dalla rilevazione delle sequenze e del numero di spari che venne affermata ma che venne smentita…

Leggi tutto

40 anni fa l’attentato a Papa Wojtyla

È mercoledì 13 maggio 1981, giorno di udienza generale. Giovanni Paolo II, primo Papa straniero, è a bordo della ‘papamobile’ scoperta, in piedi, in una piazza San Pietro affollata. La gente lo chiama, sorride e lo saluta. Poi, improvvisamente, alle 17.17, uno sparo, quindi il secondo. Papa Wojtyla si accascia sulla Jeep bianca con una smorfia di dolore. Il primo proiettile lo colpisce all’addome, il secondo a una mano. A sparare è il 23enne Mehmet Alì Agca, dei ‘Lupi Grigi’ ultra nazionalisti turchi, che subito dopo l’attentato fugge, raggiunge il…

Leggi tutto

Accordo Regione Sicilia-Parco Pantelleria per valorizzare aree archeologiche

Una grande azione di valorizzazione dei siti archeologici di Pantelleria, con attività di manutenzione, la realizzazione di un capillare programma di interventi e iniziative per garantire la massima fruizione delle aree dell’isola. E lo spirito dell’accordo di collaborazione tra l’assessorato ai Beni culturali della Regione Siciliana e l’ente Parco nazionale dell’Isola di Pantelleria, della durata di cinque anni.  “E un accordo – sottolinea l’assessore Alberto Samonà – che mette finalmente in rete i due parchi, quello nazionale e quello archeologico, che hanno in comune la sorte di uno stesso territorio.…

Leggi tutto

Tradotto in italiano memorandum Darmstadt sui crimini di guerra Alleati

Un libro che getta nuova luce su uno degli aspetti meno conosciuti della seconda guerra mondiale, un documento destinato a far discutere. Il memorandum di Darmstadt, sui crimini alleati perpetrati contro il popolo tedesco dal ’45 al ’47, per la prima volta tradotto in italiano, è adesso pubblicato nel libro “1945 Germania anno zero. Atrocità e crimini di guerra Alleati” a cura di Massimo Lucioli, edito da Italia Storica. Nel volume vengono descritti gli episodi che sarebbero avvenuti nel campo di internamento americano 91 a Darmstadt, che contava 24.000 prigionieri…

Leggi tutto

Necropoli del II secolo a.C scoperta a Messina

I lavori di scavo per la realizzazione di un edificio hanno portato in luce a Messina un settore della più ampia necropoli ellenistico-romana degli Orti della Maddalena del II sec a.C. La necropoli, che fa parte di una più vasta e stratificata area documentata da ricerche sistematiche condotte nell’ultimo ventennio dalla Soprintendenza di Messina in tutta l’area, contribuisce ad arricchire il quadro delle conoscenze sull’estensione e sulle tipologie funerarie della necropoli meridionale dell’antica città di Messina. “Si tratta di un importante ritrovamento – sottolinea l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità…

Leggi tutto

Le radici delle comunità ebraiche in Sicilia

Le sinagoghe di Bivona, Caltagirone, Catania, Messina, Palermo, Savoca, Siracusa, le più scomparse o convertite in chiese. Le giudecche a Caltagirone e Siracusa. Il “mikveh” nell’isola di Ortigia del VI secolo d.C., il bagno di purificazione più antico di tutte le sinagoghe europee. L’insediamento degli ebrei in Sicilia è antichissimo e radicato. Reperti archeologici confermano presenze nel III secolo a.C. Con la distruzione di Gerusalemme nel 70 d.C. da parte dell’imperatore Tito, si sono verificati nuovi e intensi afflussi. Con la diffusione del cristianesimo, la convivenza tra i due culti…

Leggi tutto

Motta Santa Anastasia durante il periodo Svevo

Di Santi Maria Randazzo Il Castrum Sanctae Anastasiae costituì in epoca normanna e sveva uno dei più importanti presidi militari dell’isola, sia per la sua inaccessibilità naturale e capacità difensiva, sia per il ruolo strategico in termini di offesa-difesa che giocava rispetto alla città di Catania, della piana di Catania e della valle del Simeto, nonché perché sentinella posta sul confine tra il Val Demone e il Val di Noto. Con riferimento alle finalità della politica federiciana in ambito castellare, occorre comunque precisare che, in realtà, l’obiettivo finale delle norme…

Leggi tutto

Sicilia indipendente? Solo per pochi romantici…

Di Gualtiero Danesin Da un osservatore esterno Sono passati quasi inosservati perché non posti in libreria  – a quanto apprendo– le ultime pubblicazioni sulla figura del “Siciliano” Antonio Canepa e sulla poco conosciuta “storia” degli Anni Trenta e Quaranta in Sicilia in riferimento al “presunto” indipendentismo che animò quel periodo. Le pubblicazioni alle quali facciamo riferimento sono “L’avventura di San Marino”, “Sul filo del rasoio” e “Sicilia o morte” del giornalista Salvo Barbagallo, editi dalla Mare Nostrum Edizioni qualche mese addietro e (come dalla stessa Edizione annunciato) non presenti nelle…

Leggi tutto