Sicilia nascosta: la Chiesa di San Nicolò Regale a Mazara del Vallo

La Chiesa di San Nicolò Regale di Mazara del Vallo è una chiesa di stile arabo-normanno che si erge sulla sponda sinistra del Mazaro. Costruita nella prima metà del XII secolo, ha una pianta quadrata con tre absidi e una cupola, impostata su un tamburo ampio e basso di forma cubica, che la sormonta. Nell’interno si trova un piccolo altare, quattro colonne centrali e delle colonnine incassate negli spigoli delle tre absidi e una pavimentazione con un disegno a colori d’ispirazione islamica.. Nel 1947 si tentò di riportare la chiesa…

Leggi tutto

Memorial Day 2022–“Il cammino della memoria”, a trent’anni dalle stragi

Nell’ambito delle celebrazioni per il 30° anniversario delle stragi mafiose del 1992, la Segreteria Provinciale SAP di Palermo ha organizzato una corsa podistica i cui atleti, partendo dall’albero Falcone e passando da Via D’Amelio, raggiungeranno il “Giardino della Memoria” di Capaci. Nei luoghi simbolo delle stragi, gli atleti sosteranno per rendere omaggio alle vittime attraverso momenti di raccoglimento e deposizione di fiori. Insieme alle Autorità, ad attendere gli atleti presso il Giardino della Memoria, ci saranno gli alunni della Scuola Primaria “Rosolino Pilo” che saranno intrattenuti dall’attore Roberto Disma il…

Leggi tutto

A 30 anni dagli eccidi di Capaci e via D’Amelio Lirio Abbate presenta “Stragisti”

A trent’anni dagli eccidi di mafia di Capaci e via D’Amelio giornalisti, magistrati e storici si interrogano sulle vicende di allora e di oggi, analizzando cosa è successo e chiedendosi cosa sta avvenendo ora. Perché se anche la mafia non spara più, ciò non significa che sia scomparsa: si è solo inabissata. E’ stato presentato ieri a Roma, alla Libreria Feltrinelli di Piazza Colonna, l’ultimo saggio di Lirio Abbate, direttore dell’Espresso, che ha dedicato “Stragisti” (Rizzoli editore) agli uomini e donne delle bombe di mafia. Non alle vittime, questa volta,…

Leggi tutto

L’esempio del sacrificio politico di Mazzini nel momento di realizzare l’unità d’Italia

Di Santi Maria Randazzo La pluridecennale battaglia politica che Mazzini aveva condotto per affermare uno stato repubblicano e non monarchico impattò nel 1860 con una realtà che vedeva ormai prossima la battaglia risolutiva per realizzare l’unità d’Italia, che Giuseppe Garibaldi affermava di voler condurre in prima persona quella battaglia in nome del Re Vittorio Emanuele. In quel momento Mazzini capì che il contributo che poteva essere dato dal suo movimento politico poteva essere determinante per realizzare l’unità d’Italia e decise, pur mettendo in rilievo i suoi distinguo politici, di voler…

Leggi tutto

Scompare Donna Assunta Almirante

E’ morta nelle prime ore del mattino Donna Assunta Almirante, la vedova di Giorgio Almirante. Aveva 100 anni. “Una perdita enorme, perché tra noi c’era un rapporto speciale, soprattutto in questi ultimi anni eravamo sempre insieme e sempre vicine”, afferma all’Adnkronos la figlia Giuliana de Medici. “Sto ricevendo tantissime dimostrazioni di affetto, le volevano tutti tanto bene”, aggiunge. Assunta Almirante, conosciuta convenzionalmente come donna Assunta, era nata a Catanzaro il 14 luglio del 1921, quando avrebbe compiuto 101 anni. Vedova del leader dell’Msi Giorgio Almirante, era considerata la memoria storica…

Leggi tutto

Il cielo è nero sopra Berlino

DiMario Di Mauro* L’UE è fallita, direbbe Mitterand!. E’ una accozzaglia di ostaggi del Regime di Washington. E “Londra” non è mai uscita dall’UE, semmai è l’UE che è uscita da “Londra”!. Ora ci manca solo il riarmo del Quarto Reich: il “nano politico & gigante economico” ritorna in campo con la sua Zeitenwende. Nelle nebbie spareranno anche il fumo dell’esercito europeo: arrivano 5000 sturmtruppen!. Tranquilli, si spareranno tra loro o li useranno per esportare “libertà e democrazia”, come in Irak, Afghanistan, Libia… In attesa di Algeria, Congo, Angola, Mozambico…?.…

Leggi tutto

A Montelepre si presenta il volume “Antudo. Giuliano e l’Indipendenza siciliana”

Organizzato da BCsicilia, nell’ambito dell’iniziativa “30 libri in 30 giorni”, si presenta, domani giovedì 21 aprile alle ore 17,30, presso la biblioteca comunale, in via Castrense Di Bella, 12 a Montelepre, il volume di Nino Chiofalo “Antudo. Giuliano e l’Indipendenza siciliana”. Ne parlerà con l’autore l’avvocato Giacomo Palazzolo. Coordinamento a cura Rosario Di Noto, Presidente BCsicilia Sede di Montelepre. L’incontro si svolgerà nel rispetto della normativa anticovid. Per informazioni Email: montelepre@bcsicilia.it – Tel. 366.5270891.“La fascinosa incidenza che ha sul racconto la narrazione in prima persona di Salvatore Giuliano, ci restituisce…

Leggi tutto

A Palermo, “L’imperatore Carlo V e i suoi condottieri italiani”

Chiesa di Santa Eulalia dei Catalani, domani mercoledì 13 aprile ore 18.00 La programmazione dell’Instituto Cervantes di Palermo relativa alla rassegna Spagna e Sicilia. Andata e ritorno prosegue con l’appuntamento, curato dal Generale dell’Esercito Claudio Minghetti, dal titolo Carlo V e i suoi condottieri italiani. La conferenza si svolgerà in presenza presso la Chiesa di Sant’Eulalia dei Catalani (via Argenteria, 19) mercoledì 13 aprile dalle ore 18.00 e rientra nella programmazione stabile dell’Instituto Cervantes Palermo volta ad approfondire e mantenere vivi i rapporti storici e culturali tra Spagna e Sicilia.…

Leggi tutto

Il mistero della galleria di Postoleone

di Gaetano Consalvo Lo storico Messinese Giovanni Curcuruto parlando della galleria di Postoleone sulla strada provinciale che porta da Letojanni a Mongiuffi, aveva fatto intendere che al di sotto del piano stradale esistessero dei vani sotterranei dentro i quali si celavano dei veri tesori, non precisandone l’effettiva natura. Forse armi, preziosi, documenti storici, testimonianze o più semplicemente reperti affettivi? A realizzate questa mirabile opera d’ingegneria viaria furono 300 prigionieri austriaci che durante la prima guerra mondiale furono deportati in Sicilia nei campi di concentramento di Vittoria e Piazza Armerina. Tra…

Leggi tutto

A Campofiorito si presenta il volume “Atlante dell’antica viabilità della Sicilia”

Organizzato da BCsicilia, dal Comune di Campofiorito, dal Lions Club e dalla Pro Loco, nell’ambito dell’iniziativa “30 libri in 30 giorni”, si presenta domani, lunedì 4 aprile, alle ore 18,00, presso l’Ex Lavatoio comunale Regina Elena in Via Giuseppe Mazzini a Campofiorito, il volume di Angelo Vintaloro “Atlante dell’antica viabilità della Sicilia centro occidentale”. Dopo i saluti di Giuseppe Oddo, Sindaco di Campofiorito, di Angela Piraino, Presidente Pro Loco di Campofiorito, di Antonio Navarra, Past President Lions Corleone e l’introduzione di Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale BCsicilia, è previsto l’intervento Giovanni…

Leggi tutto

All’Istituto per la Cultura Siciliana, a Catania, Santi Maria Randazzo parla di Garibaldi

Dopo l’interruzione di attività per le “chiusure” imposte dall’emergenza Covid 19, l’Istituto per la Cultura Siciliana, a Catania, ha ripreso ieri la sua regolare programmazione, Il primo evento in calendario per l’anno in corso è stato “Incontro con l’Autore” e il protagonista è stato lo scrittore e ricercatore storico Santi Maria Randazzo che ha parlato del suo ultimo lavoro, appena edito, “Da Staten Island a Marsala: la lunga marcia di Garibaldi” (ed. Albatros).A presentare lo scrittore, il presidente dell’Istituto, Luigi Asero. È intervenuto il giornalista Salvo Barbagallo, direttore di questa…

Leggi tutto

La bandiera siciliana è una delle più antiche al mondo

Inviata da un lettore, da FB Di 515 anni più antica del tricolore italiano. La bandiera per tutti è quel drappo rettangolare che riproduce colori e simboli di uno stato o regione ed è indissolubilmente legata alla storia, alle vicissitudini e agli eventi che l’hanno originata. La bandiera siciliana oggi è divisa diagonalmente in due triangoli: a sinistra giallo e a destra rosso tendente all’arancio. Al centro campeggia la triscele color carne, con il gorgoneion e le spighe. La nostra bandiera esiste da 739 anni. Fu usata per la prima…

Leggi tutto

Nel libro di Gaudio “L’urlo di Moro”, ‘i messaggi criptati’ dello statista Dc che rivelò sua prigione

Un anagramma, contenuto nella prima lettera inviata a Francesco Cossiga, per svelare il luogo esatto in cui le Brigate Rosse lo tenevano prigioniero; parole criptiche per neutralizzare la ‘censura’ della “prigione del popolo” e far giungere all’esterno i suoi messaggi; frasi da decifrare, ma che nessuno, fino alla sua uccisione, decifrò mai. C’è tutto questo, e molto altro ancora, nel libro “L’urlo di Moro. Autenticità ed intelligenza politica nelle lettere dalla prigione”, scritto da Carlo Gaudio (presidente del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), in stampa…

Leggi tutto

Generale De Lorenzo, Piano Solo: ”Nessun progetto di golpe”

Lo storico Pardini pubblica i documenti sul prossimo numero della rivista “Nuova Storia Contemporanea”: editi integralmente i piani di emergenza per il mantenimento dell’ordine pubblico e delle libertà democratiche del 1964 Il cosiddetto “Piano Solo” predisposto dal generale Giovanni De Lorenzo, comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, che sarebbe stato all’origine del presunto tentativo di colpo di Stato del 1964, non è mai esistito e la documentazione ad esso più o meno “artatamente collegata” rientrava nella predisposizione di interventi per il mantenimento e la tutela dell’ordine pubblico e del corretto funzionamento…

Leggi tutto

Le notti brave del pretore romano Verre a Motta

Di Santi Maria Randazzo Forse non tutti sanno che le famose “ Verrine” di Cicerone vennero scritte soprattutto a seguito delle rimostranze che gli abitanti di Leontini ( l’odierna Lentini) e di Etna-Inessa ( l’odierna Motta Santa Anastasia) manifestarono al Senato Romano a causa delle depredazione e degli abusi che Verre e i suoi accoliti avevano perpetrato a danno dei cittadini di quelle città. I cittadini di Etna-Inessa che chiesero a Cicerone di difenderli presso il Senato Romano furono Nynpho e Qunto Lollius; nella villa di Nynpho ( con molta…

Leggi tutto

Santi Maria Randazzo e le notti insonni di Garibaldi

di Salvo Barbagallo “Da Staten Island a Marsala: la lunga marcia di Garibaldi” di Santi Maria Randazzo è un malloppone di 286 pagine edito da Albatros che, a vederlo in libreria, ha una copertina invitante e tanto basterebbe per dire “bravo” all’Autore senza leggerne il contenuto. Ma non sarebbe corretto limitarsi a “guardare” la copertina, conoscendo la serietà che pone Santi Maria Randazzo in ogni ricerca che affronta proprio con il cosiddetto “spirito garibaldino”, costantemente incurante delle mode e degli accademici piaceri del momento. Dunque, più che doveroso affrontare la…

Leggi tutto

La stirpe dei Ciclopi proveniva dalle steppe russe? Polifemo era un Kurgan?

Di Santi Maria Randazzo Premessa Gli storici antichi che hanno trattato le vicende connesse all’insediamento dei vari popoli in Sicilia, nel momento in cui hanno descritto l’arrivo dei Sicani, prima, e dei Siculi, successivamente, hanno premesso che nel momento in cui questi due popoli si insediarono nell’isola, erano già presenti in Sicilia i popoli dei Ciclopi e dei Lestrigoni; dopo averli nominati, Tucidite dice di non sapere da dove essi provenivano. Probabilmente la convinzione che questi racconti fossero il frutto di fantasie mitologiche, non ha stimolato molto la ricerca dei…

Leggi tutto

Katana città tetrapoli rifondata da Ierone col nome Etna nel 475 a.C.

Di Santi Maria Randazzo Come mutò la situazione urbanistica di Catania nel 475 a.C. dopo che la città fu conquistata da Ierone, tiranno di Siracusa ? Il Carrera, riportando un passo di Strabone, narra della “rifondazione” (1) dell’odierna Catania nel 475 a.C. da parte del tiranno siracusano Ierone, dopo che Katana era stata conquistata, e che venne “ Rifondata” col nome di Aitna ( Etna). Strabone, che narra anche delle vicende successive al 461 a. C., allorché i Siracusani che abitavano Etna furono costretti a trasferirsi nella vicina città di…

Leggi tutto

1944: Alleati e controspionaggio Italia a conoscenza di stupri dei marocchini

Il ricercatore storico e presidente dell’associazione nazionale vittime delle marocchinate, Emiliano Ciotti, ha rinvenuto nell’archivio dello Stato Maggiore Italiano un documento che prova come le violenze compiute dalle truppe coloniali francesi ai danni della popolazione civile italiana erano conosciute dagli Alleati. Il rapporto della sezione controspionaggio della 5^ Armata, firmato dal Maggiore dei Carabinieri Reali Cesare Faccio, è datato 22 giugno 1944 e tratta delle violenze e dei soprusi commessi dai soldati marocchini e il contegno tenuto dalle truppe americane in quelle occasioni. Il documento inizia riportando la violenza ai…

Leggi tutto

Sicilia, alla scoperta dei misteri di Motta Camastra

Grotte rituali, puntatori solari, scalinate e incisioni scolpite sulla roccia e un orologio che nasconde segreti di Patrizia Caiffa Grotte rituali, puntatori solari, misteriose scalinate e incisioni scolpite sulla roccia: potrebbero essere stati usati come punti di riferimento astronomico dalle popolazioni Šekeleš, abitanti della Sicilia ancora prima dei greci. E poi richiami storici alle epopee dei normanni e degli austriaci nell’isola, e un orologio misterioso che nasconde segreti. Si trovano nella Valle dell’Alcantara (chiamata Akesines dai greci), nella Sicilia orientale, e in particolare nel borgo di Motta Camastra, che ospita anche tesori sconosciuti a livello antropologico, storico ed archeologico. Alcuni appassionati ricercatori stanno…

Leggi tutto