Osservatorio Icsa per la sicurezza nel Mediterraneo

La Fondazione Icsa (Intelligence Culture and Strategic Analysis), think thank attivo dal 2009 nella ricerca sui temi della difesa e dell’intelligence, annuncia la costituzione dell’Osservatorio Icsa per la Sicurezza nel Mediterraneo (OisMed), che perseguirà l’obiettivo di monitorare l’attuale situazione di instabilità nella regione del Mediterraneo e gli intrecci terroristici e criminali presenti nell’area nordafricana. Un’area, osserva Leonardo Tricarico, presidente della Fondazione Icsa, “su cui auspichiamo da decenni l’adeguata attenzione”. “Negli ultimi 30 anni -osserva il Prefetto Carlo De Stefano, Vice Presidente della Fondazione Icsa- e in particolare dalla caduta del…

Leggi tutto

“Occuparsi della Libia è toccare fili scoperti… “

“Occuparsi della Libia, e di cosa succede sulla rotta Italia-Libia, è come toccare i fili scoperti… Io sono veramente deluso. Speravo che nell’inchiesta della Procura di Trapani non ci fosse questo strascico sui giornalisti, una vicenda che è rappresentativa di una stagione politica”. A parlare con l’Adnkronos è Nello Scavo, giornalista dell’Avvenire, tra i cronisti intercettati nell’ambito della inchiesta della Procura di Trapani sulle ong. Il procuratore Maurizio Agnello ha spiegato all’Adnkronos che le conversazioni del giornalista di inchiesta del quotidiano, come degli altri cronisti sentiti nelle telefonate registrate, “non…

Leggi tutto

Operazione “Irini”: in un anno controllate 2300 navi

Fin dalla sua creazione, il 31 marzo 2020, il comando dell’Operazione è stato assegnato all’Italia, nella persona dell’Ammiraglio Fabio Agostini. Il quartier generale dell’Operazione è all’interno del Coi, Comando Operativo Interforze, a Roma Centocelle. Attualmente l’Italia ha assegnato alla missione la nave Its Borsini e un drone, oltre a diversi assetti in supporto associato. Dal prossimo primo aprile la Marina Militare fornirà all’operazione anche la nave ITS San Giorgio, con il ruolo di nave ammiraglia, oltre al Comandante della Forza in mare, Contrammiraglio Stefano Frumento. “L’estensione del mandato è la…

Leggi tutto

Volevano uccidere Caruana Galizia già nel 2015

Gli esecutori materiali dell’assassinio della giornalista investigativa maltese Daphne Caruana Galizia avevano pianificato un attentato con armi da fuoco AK-47 due anni prima di ucciderla in un attacco dinamitardo nell’ottobre del 2017. Questo quanto riferito in una lunga testimonianza da Vincent Muscat secondo il quale – assieme alle altre due persone accusate dell’omicidio – aveva iniziato i preparativi per l’assassinio della cronista già nel 2014 o 2015. Con George Degiorgio era stato messo a punto un piano che prevedeva di fermare la donna sotto casa mentre un terzo uomo, Jamie…

Leggi tutto

Delitto Caruana Galizia a Malta: 15 anni di carcere a Vince Muscat

Si è dichiarato colpevole e ha iniziato a collaborare, arrestati i tre presunti fabbricanti dell’ordigno che ha ucciso la giornalista. Vince Muscat, uno degli imputati nel processo per l’uccisione nel 2017 della giornalista Daphne Caruana Galizia, è stato condannato a 15 anni di carcere. Stamani, Muscat, noto come ‘il-Koħħu’, aveva cambiato radicalmente la sua strategia processuale, dichiarandosi colpevole dei capi di imputazione dopo un accordo con la procura e accettando di collaborare nelle indagini. La sua collaborazione sembra avere già dato i primi frutti, con l’arresto avvenuto oggi di tre…

Leggi tutto

Libia, liberazione pescatori Mazara “messaggio” di Haftar all’Italia

“La Libia di Haftar ha voluto dare un messaggio con il sequestro dei 18 pescatori siciliani. Ha voluto dimostrare, con l’arrivo di Conte di Di Maio a Bengasi, che c’è un braccio di ferro tra Italia e Libia”. A parlare con l’Adnkronos è Dundar Kesapli, giornalista turco arrivato oggi a Mazara del Vallo (Trapani) per seguire la vicenda dei pescherecci liberati ieri. Dundar Kesapli, che è anche Presidente dell’associazione dei giornalisti del Mediterraneo, è accompagnato da un collega della più importante agenzia di stampa turca. Commentando le parole del vescovo…

Leggi tutto

Rilascio pescatori Mazara: scambio con scafisti in carcere?

Il rilascio dei pescatori siciliani, a seguito della visita lampo del premier Giuseppe Conte e del suo ministro degli Esteri Luigi Di Maio a Bengasi,sarebbe avvenuto dopo un accordo per uno ”scambio di prigionieri”, con l’estradizione di quattro cittadini libici condannati in Italia come scafisti. Lo sostiene il quotidiano panarabo ‘Asharq Al-Awsat’, vicino al generale Khalifa Haftar, citando ”fonti libiche ben informate’. Secondo quest’ultime, ”l’accordo di scambio di prigionieri con l’Italia si è concluso sullo sfondo di una mediazione regionale”, senza fornire ulteriori dettagli. E’ “plausibile” che ci sia un…

Leggi tutto

Regeni, inchiesta chiusa: quattro 007 egiziani verso processo

La Procura di Roma ha chiuso le indagini sul caso dell’omicidio Giulio Regeni, il ricercatore friulano rapito, torturato e ucciso nel 2016 in Egitto. A due anni dall’iscrizione nel registro degli indagati degli 007 egiziani appartenenti alla National Security, avvenuta il 4 dicembre 2018, il procuratore capo Michele Prestipino e il sostituto Sergio Colaiocco, che in questi anni ha seguito l’inchiesta, hanno rispettato la deadline sulla chiusura dell’indagine contestando, a seconda delle posizioni, con il 415bis a quattro 007 oltre al reato di sequestro di persona pluriaggravato, concorso in omicidio…

Leggi tutto

In Estate nuovo collegamento marittimo Pantelleria-Tunisia

Una nuova linea traghetti Mazara del Vallo-Pantelleria-Kelibia prenderà il via l’estate prossima. Del progetto ne parla il vice Sindaco e assessore ai Trasporti di Pantelleria, Maurizio Caldo: Il progetto di collegare nuovamente l’Isola di Pantelleria con la Tunisia nasce nel 2018, all’indomani dell’insediamento della Giunta Campo nel Comune di Pantelleria. Un progetto ideato e fortemente voluto da questa Amministrazione che ha iniziato subito a lavorare per realizzarlo. Per dare forma e valenza all’idea abbiamo pensato di inserire un nuovo punto di partenza della nave, ovvero Mazara del Vallo per creare…

Leggi tutto

Per Zaki altri 45 giorni di carcere

Patrick Zaki resterà nel carcere di Tora. A 10 mesi esatti dal suo arresto, è stata prorogata per altri 45 giorni la custodia cautelare dello studente egiziano dell’Università Alma Mater di Bologna arrestato lo scorso 7 febbraio al suo arrivo al Cairo, dove si era recato per far visita alla famiglia, e da allora in prigione con l’accusa di propaganda sovversiva. E’ stata dunque disattesa la speranza di una sua imminente liberazione, che si era riaccesa dopo che l’Egyptian Initiative for Personal Rights (Eipr), l’ong per la difesa dei diritti…

Leggi tutto

Libia, rapito sottosegretario alla Salute

Rapito a Tripoli il sottosegretario alla Salute del Governo di Accordo Nazionale, Abdulrahman Omar. A quanto riporta “Akhbar Libya”, uomini armati hanno intercettato la sua auto nell’area di Al-Qasr. Secondo fonti citate dal sito di informazione libico, il sottosegretario si stava dirigendo a Qasr bin Ghashir, a sud della capitale, accompagnato dal capo del Centro nazionale per il controllo delle malattie, Badr al-Din al-Najjar, per lanciare una campagna di sensibilizzazione sui pericoli del coronavirus. La fonte ha aggiunto che gli uomini armati, che viaggiavano su diversi veicoli, hanno fermato il…

Leggi tutto

Regeni, procura di Roma va avanti. Egitto: “Prove insufficienti”

La Procura di Roma è pronta a chiudere le indagini sul caso di , il ricercatore friulano rapito, torturato e ucciso nel 2016 in Egitto, a carico di cinque 007 egiziani appartenenti alla National Security accusati di sequestro. E’ quanto ha comunicato il procuratore capo di Roma Michele Prestipino al procuratore Generale d’Egitto nel corso di un nuovo incontro. “Il procuratore generale d’Egitto nel prendere atto della conclusione delle indagini preliminari italiane, avanza riserve – si legge in una nota congiunta dei due uffici giudiziari – sulla solidità del quadro…

Leggi tutto

Tragedia al largo della Libia, annegano 74 migranti

Un devastante naufragio ha causato la morte di almeno 74 migranti oggi al largo di Khums, in Libia. Si tratta dell’ultima di una serie di tragedie che hanno coinvolto almeno altri otto naufragi nel Mediterraneo centrale dal primo ottobre. La notizia è stata riferita da personale dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim). https://1cd4eb2510dba93077342eda7d4cd924.safeframe.googlesyndication.com/safeframe/1-0-37/html/container.html Secondo quanto riferito in una nota, l’imbarcazione trasportava oltre 120 persone, tra cui donne e bambini. Quarantasette sopravvissuti sono stati portati a riva dalla Guardia Costiera libica e da pescatori, 31 corpi sono stati recuperati. Proseguono le…

Leggi tutto

230 mila tonnellate di plastica sversate ogni anno nel Mediterraneo

Secondo il Report “Mare Plasticum: The Mediterranean” dell’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (Iucn), oltre 230mila tonnellate di plastica vengono scaricate ogni anno nel Mar Mediterraneo e l’Italia, insieme a Egitto e Turchia, è tra i tre principali responsabili. Non è un caso se l’80% dei rifiuti spiaggiati e monitorati sulle spiagge italiane è di plastica. Stando ai dati emersi dalla campagna Beach Clean, realizzata bell’ambito del Progetto Common, che ha coinvolto durante la scorsa stagione estiva oltre 100 strutture balneari italiane, libanesi e tunisine ad alto afflusso turistico,…

Leggi tutto