EuropaMediterraneo: Tsipras gioca a Mosca cieca con l’Ue?

tsipras2di Marco Di Salvo

Tanta sorpresa per gli alleati scelti da Tsipras, ma vengono in soccorso gli esperti di politica russa a spiegare le scelte del “Renzi ellenico”.  Ecco cosa scrive Anton Shekhovtsov nel suo blog

Dopo la vittoria schiacciante alle elezioni anticipate tenutesi il 25 gennaio 2015 che gli ha assicurato 149 seggi nel nuovo parlamento, la Coalizione greca della sinistra radicale (SYRIZA)  ha sorpreso gli elettori di sinistra e simpatizzanti, accettando di formare, già il 26 Gennaio, un governo di coalizione con l’estrema destra del partito per l’Indipendenza Greca (ANEL), che ha 13 seggi.

La piattaforma “anti-austerity” può sembrare l’unico argomento che  le due parti condividono, ma in realtà le due formazioni hanno un approccio simile sulle questioni di politica estera – un approccio che potrebbe compromettere l’unità europea per la minaccia russa.

Entrambe le parti sono apertamente filo-russo, e il leader di Syriza Alexis Tsipras denunciato le sanzioni contro la Russia imposte dall’UE per l’annessione della Russia di Crimea e la sua invasione di Ucraina, che è già costata ucraini migliaia di vite. Nel mese di maggio 2014, vale a dire già dopo la Russia aveva iniziato la sua invasione di Ucraina, Tsipras viaggiato a Mosca per incontrare i principali alleati di Vladimir Putin, come Valentina Matviyenko, presidente del Consiglio della Federazione della Federazione Russa, e Aleksey Pushkov, presidente degli affari esteri del Parlamento russo comitato. Sia Matviyenko e Pushkov sono stati sanzionati dagli Stati Uniti , mentre Matviyenko anche dall’Unione europea . Questo non ha impedito a Tsipras di incontrarli.

I sentimenti filo-russi di SYRIZA si manifestarono, in particolare, nel suo comportamento di voto nel Parlamento europeo . Ad esempio, il 16 settembre 2014, quando il Parlamento europeo ha ratificato l’accordo di associazione UE-Ucraina – un accordo che è stato uno dei motivi dell’invasione russa dell’Ucraina – tutti i sei deputati di Syriza hanno votato contro la ratifica di questo accordo .

Se SYRIZA è  il “cavallo di Troia” della Russia in Europa, ANEL guidato da Panos Kammenos può essere anche peggio.

ANEL (fondata nel febbraio 2012) è un partito di estrema destra che – simile al neo-nazista Alba Dorata – si oppone all’immigrazione, multiculturalismo ed è incline alle teorie cospirative. Ad esempio, come sostenuto da Pavlos Zafiropoulos , ANEL ei suoi sostenitori ritengono che il governo greco “sta spruzzando la popolazione dagli aerei con sostanze per il controllo della mente” (vi ricorda qualcuno? 😉 ). L’antisemitismo non è estraneo a ANEL: “Panos Kammenos, parlando a un programma televisivo ha fatto l’affermazione priva di fondamento che gli ebrei in Grecia non sono tassate a differenza dei cristiani greci ortodossi”.

La forza trainante dietro l’approccio filo-russo di ANEL sembra essere Gavriil Avramidis, eletto deputato con ANEL a Salonicco nel 2012. Egli è anche il capo dell’Associazione patriottica Movimento Sociale ” russo greco-Alliance “, fondata nel 2001 e volto a ampliamento cooperazione tra la Grecia e la Russia.

Eppure Avramidis potrebbe non essere l’unico politico in ANEL che sta facendo pressione a favore degli interessi russi in Grecia. Kammenos ha visitato Mosca nella prima metà di gennaio 2015.
Molte domande rimangono, comunque. Sono sentimenti filo-russi davvero importante per ANEL? Sarà ANEL contribuire al rafforzamento di posizioni filo-russe della Syriza? Sarà il nuovo governo di coalizione spingere per abolire le sanzioni dell’UE contro la Russia che sta aggravando la sua invasione di Ucraina ?

Senza dubbio, la Russia cercherà di sfruttare sia la vittoria della SYRIZA e la formazione del governo di coalizione ANEL/SYRIZA. Putin ha già congratulato Tsipras sulla vittoria del suo partito dicendo che è “fiducioso che la Russia e la Grecia continuerà a sviluppare la loro cooperazione costruttiva tradizionalmente in tutti i settori e lavoreranno insieme in modo efficace per risolvere i problemi attuali europei e mondiali”. Il 25 gennaio, il corrispondente della BBC Gabriel Gatehouse, attualmente ad Atene, riferisce che ha visto l’ambasciatore russo Andrey Maslov entrare nell’ufficio principale SYRIZA. Ecco il suo tweet:”Visita Kammenos ‘a Mosca è stato molto probabilmente collegata alla possibilità di formazione del governo di coalizione SYRIZA / ANEL.”

Allo stesso tempo, Avramidis visitato il Consolato Generale della Russia a Salonicco il 23 Gennaio 2015 , cioè pochi giorni prima delle elezioni parlamentari, per discutere, con il Console Generale Aleksey Popov, il rinnovo della collaborazione tra la Grecia e la Russia, nonché come alleviare le sanzioni contro la Russia.
Dal momento che l’Unione europea è un’organizzazione basata sul consenso, imporre sanzioni contro la Russia impone a tutti gli Stati membri ad accettare tali scelte. Quindi, la questione delle sanzioni può diventare un punto di negoziazione per le nuove autorità greche quando si incontreranno con l’UE per rinegoziare i termini del programma di salvataggio per la Grecia.

Potrebbero interessarti