Premio "Ambasciatore della Natura" 2012 a Maria Rita D’Orsogna

Con la consegna del prestigioso riconoscimento “Ambasciatore della Natura”  assegnato per l’anno 2012 dal Centro Parchi Internazionale diretto da Franco Tassi a Maria Rita D’Orsogna, focalizziamo l’attenzione sull’insigne studiosa Americana di origine Abruzzese e
sul grande impegno nella difesa del patrimonio ambientale, naturale, ecologico e paesaggistico in Italia e nel mondo .

La docente di fisica in California, attivissima nel combattere l’invadenza delle trivellazioni petrolifere in Italia e nei mari circostanti, in questi primi giorni del 2012 partecipa ad una serie di conferenze per sostenere le aree di particolare pregio naturalistico nel mezzogiorno d’Italia (Abruzzo, Basilicata, Puglia e Sicilia); in particolare a Pantelleria ha tenuto tre incontri con diversi circoli dell’isola, grazie al prezioso supporto di Guido Picchetti, grande
sostenitore nella tutela del mare e nello specifico impegnato attivamente per la costituzione del Parco Marino della “perla nera nel Mediterraneo”.

La sosta all’aeroporto Falcone/Borsellino di Palermo della D’Orsogna, ha consentito di programmare la consegna del riconoscimento. Grazie alla disponibilità del Corpo Forestale dello Stato, che ha disposto l’ospitalità per questo significativo evento presso il distaccamento CITES dell’aeroporto palermitano, accolti dal sovrintendente Perlongo,
insieme a Carmelo Nicoloso che  ha consegnato la targa, erano presenti l’avv. Giustino Piazza (già presidente del Comitato di proposta per l’Area Marina Protetta di Pantelleria), il dott. Michele Palazzo (presidente di Pro Natura Mare Nostrum), quindi il dott. Salvatore
Braschi in rappresentanza del senatore Salvatore D’Alì (presidente commissione ambiente al Senato), quest’ultimo ha formulato la disponibilità di audizione della D’Orsogna presso la Commissione Ambiente del Senato, per quanto attiene le tematiche e le problematiche relative alle trivellazioni da idrocarburi in Italia.

Sarà sicuramente importante questo programmato incontro al Senato della Repubblica, ma è fondamentale focalizzare gli obiettivi cardini che riguardano il Canale di Sicilia e Pantelleria in tema di salvaguardia, per contrastare le incombenti minacce provenienti dalle trivellazioni off shore. Esiste già il decreto per quanto attiene l’istituzione del Parco Nazionale sull’isola, ma,  l’iter per l’istituzione, presenta avversità dall’attuale amministrazione e dalla comunità locale; per quanto attiene il Parco Marino esiste un’ampia e qualificata documentazione scientifica depositata presso il Ministero dell’Ambiente già da oltre un ventennio (Giuseppe Giaccone Università di Catania), bisogna accelerare in questa direzione,  anche perché, sembra che sia maturato un certo interesse da parte delle
associazioni, della comunità locale e di una rappresentanza politico/istituzionale; da collegare con l’inserimento del Canale di Sicilia quale area di tutela marina per UNEP/MAP, attraverso il governo nazionale e l’UE sarà importante coordinare le convergenze
giuridico/legali al fine di ottimizzare al meglio l’istituzione di un Parco Marino transnazionale, inglobando il progetto (già esistente sulla carta) del Santuario Marino dei Cetacei.

Il premio “Ambasciatore della Natura”consiste in una bellissima targa di roccia lavica, con sovraimpressa in ceramica la tavola raffigurante l’allegoria “La Terra ha un Cuore Verde, la Natura”, ideata da Franco Tassi, realizzata dall’Artista internazionale Deirdre Hyde e promossa da Carmelo Nicoloso, Siciliano, Coordinatore del Comitato Parchi per il Mezzogiorno d’Italia, realizzata da Artesole del maestro Giuseppe Sorbello.

Daniele Lo Porto

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.