Emergenza Pandemia e Trasporti in Sicilia

L’emergenza Pandemia pone problemi nei Trasporti siciliani, così come nel resto d’Italia: problemi che spesso vengono sottovalutati, o posti in secondo piano, nei provvedimenti che prendono i responsabili delle Istituzioni regionali. In merito il Segretario Regionale FAST/CONFSAL SICILIA fa notare: “L’escalation dei contagi da Covid, impone un serio ed immediato ripensamento sulla capienza nei mezzi del TPL, tramite provvedimenti volti a contenere il rischio. Come sindacato siamo dell’avviso che è necessario ridimensionare ulteriormente la capienza sui mezzi pubblici di trasporto, rispetto all’ attuale normativa che limita la stessa all’ 80 % , al fine di ripristinare il debito distanziamento a salvaguardia della salute pubblica delle  persone trasportate”.

“Oltre a ciò – aggiunge Giovanni Lo Schiavo – il primo passo a tutela del personale di guida, sottoposto al momento a periodi di malattia o di quarantena potrebbe essere quello di riconsiderare la chiusura della porta anteriore degli autobus. Dati aggiornati a tal proposito, riferiscono che stanno aumentando i casi di contagio degli Autisti dei mezzi pubblici di trasporto, motivo per cui necessita maggiore tutela per tutti coloro che usano e sono alla condotta di autobus, metro e convogli ferroviari”.

Lo Schiavo conclude la sua nota: “Come sindacato riteniamo utile, peraltro, una politica di rimodulazione del servizio su gomma e su ferro rispetto alle reali esigenze che prevede l’implementazione delle corse così da poter ottimizzare l’offerta in virtù delle necessità della collettività”.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.