Affrontare la SLA in Sicilia: incontro a Catania

La nuova sezione della Sicilia orientale di AISLA, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica,
organizza un incontro aperto a tutti, con medici e istituzioni, per informare sui diritti delle persone con SLA

La neonata sezione della Sicilia orientale di Aisla, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, presieduta dall’Avv. Orazio Arena, organizza il 12 ottobre al Palazzo della Cultura in via Vittorio Emanuele II, 121 alle 9.30, un incontro aperto ai cittadini e agli operatori del settore socio-sanitario, per parlare della SLA, che colpisce oltre 500 persone in Sicilia.

L’iniziativa offrirà l’occasione per presentare la nuova sezione territoriale di Aisla della Sicilia Orientale, che opera nelle provincie di Catania, Messina, Ragusa e Siracusa, e che si pone l’obiettivo di migliorare i processi di assistenza ai malati di SLA, di divulgare le informazioni relative alla malattia e di stimolare le Istituzioni e gli Organismi del Sistema socio-sanitario regionale  ad una presa in carico adeguata e qualificata dei pazienti al fine di migliorare l’assistenza domiciliare o residenziale. Al contempo, la sezione si occupa di sostenere i malati di SLA e i loro familiari con attività di ascolto e orientamento, offrendo servizi come la consulenza sugli aspetti amministrativi, previdenziali e burocratici, e fornendo indicazioni utili sui centri clinici specializzati nella presa in carico dei pazienti che in regione sono il Centro Clinico NeMO Sud di Messina, l’Istituto Clinico Scientifico Maugeri di Mistretta (Me) e il Centro SLA di Palermo. Paolo Volanti, direttore sanitario IRCSS FSM Mistretta

La sezione della Sicilia orientale di Aisla attualmente conta oltre 100 soci e segue oggi oltre 150 persone con SLA.

All’incontro, moderato dall’Avv. Arena, parteciperanno Salvo Pogliese, sindaco di Catania, Ruggero Razza, assessore alla salute della Regione Siciliana, Eleonora Zappia, segretario regionale AISLA, Paolo Volanti, direttore sanitario IRCSS FSM Mistretta, Daniela Lauro, vicepresidente Centro Clinico NeMO di Messina, e Pina Esposito, vicepresidente nazionale AISLA.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.