Peschereccio di Portopalo scompare nel nulla

Il peschereccio “Fatima II” di Portopalo è scomparso da due giorni mentre si trovava a 95 miglia dalle coste libiche, con a bordo il comandante e tre membri di equipaggio. Tre componenti italiani del motopesca sono stati ritrovati su due zattere di salvataggio.

L’allarme è stato dato alla Guardia costiera di Siracusa dal proprietario dell’imbarcazione, allarmato poiché si era perduto il contatto radio, e un componente dell’equipaggio sulla zattera aveva allertato la famiglia con il suo cellulare. La richiesta di soccorso della Capitaneria di porto di Siracusa alle Guardie costiere della Grecia, Tunisia, Malta, Egitto e Libia, ha messo in moto le ricerche, ha fatto sì che venissero rintracciate le zattere e salvati i pescatori del “Fatima II” , che sono stati portati a Creta.

Gli inquirenti sospettano che possa esserci stata una lite a bordo del motopesca tra il comandante italiano, di cui non si hanno più notizie, e i tre stranieri, poiché i tre naufraghi hanno dichiarato che tra la notte di venerdì e sabato mentre erano sottocoperta hanno udito colpi d’arma da fuoco sul ponte. Si sono quindi precipitati fuori, ma il boccaporto era chiuso. Dopo essere riusciti in qualche modo ad aprirlo, si sono trovati di fronte i tre membri stranieri dell’equipaggio, due egiziani e un tunisino, che li avrebbero aggrediti, minacciati e messi sulle due zattere. Presumibilmente i tre pescatori stranieri si sono impossessati dell’imbarcazione, che ora è ricercata da tutte le guardie costiere dell’area, in particolare quella egiziana, poiché si sospetta che i tre possano essere diretti in Egitto.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.