Maxi piantagione di marijuana in casolare abbandonato a Palermo

Nel cuore del quartiere Pagliarelli scoperte 891 piante in un seminterrato
Una maxi piantagione di marijuana è stata scoperta nel quartiere Pagliarelli di Palermo dalla Polizia che ha arrestato un 27enne incensurato con l’accusa di coltivazione di marijuana e furto di energia elettrica. L’attenzione degli investigatori già da qualche giorno era rivolta a un immobile in stato di abbandono e disabitato da alcuni anni meta di un continuo viavai di giovani. All’interno del casolare gli agenti hanno trovato tre uomini che alla loro vista si sono dati alla fuga. Mentre due di loro sono riusciti a far perdere le proprie tracce, il 27enne è stato bloccato e arrestato. 

Al piano seminterrato dell’immobile, i poliziotti hanno trovato una piantagione di droga estesa per circa 600 metri quadri e composta da 891 piante. “Che non si trattasse di coltivazione episodica e domestica, bensì di una produzione molto ben avviata, decisa a competere nel business della droga con una vocazione quasi industriale – spiegano gli investigatori -, è chiarito dall’elenco, lungo e costoso, dei dispositivi, quasi tutti di ultima generazione, utilizzati per far crescere la serra: filtri a carbonio, voluminosi impianti di areazione, di essiccazione e di illuminazione, filtri, condizionatori e pompe di calore necessari a riprodurre il microclima necessario alla crescita delle piante”.

Il valore di impianti e dispositivi, allacciati abusivamente alla rete elettrica pubblica come hanno scoperto i tecnici dell’Enel, si aggirava sui 90mila euro.  Lo droga, se immessa sul mercato all’ingrosso, avrebbe fruttato circa 200.000 euro, “cifra suscettibile di una crescita esponenziale (almeno del triplo) qualora si fosse ragionato al dettaglio”, spiegano dalla Questura di Palermo. Indagini e riscontri, anche dal punto di vista catastale, sono in corso per risalire ai gestori della serra. L’arresto del giovane è stato convalidato ed è stato revocato il reddito di cittadinanza di cui beneficiava la moglie.  

 

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.