Cinque militari italiani feriti in Iraq

Un ordigno sarebbe esploso al passaggio di un convoglio militare. Cinque militari italiani sono rimasti feriti a Kirkuk, a nord della capitale Baghdad. Al momento la notizia è assolutamente frammentaria. Nessuno dei militari sarebbe in pericolo di vita sebbene le ferite di tre militari siano definite “serie”. L’agguato pochi minuti fa, poco prima delle 16 ora italiana.

Prontamente soccorsi, i cinque militari sono stati evacuati con elicotteri Usa della coalizione e trasportati in un ospedale Role 3 dove stanno ricevendo le cure del caso. Lo comunica lo Stato Maggiore della Difesa, che riferisce che il team stava svolgendo attività di mentoring and training a beneficio delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta al Daesh. Dietro l’attacco però, a denti stretti qualcuno ammette che potrebbe esserci proprio Daesh, cioè l’Isis.

Due dei feriti sono effettivi al nono reggimento Col Moschin dell’Esercito e tre appartengono al Gruppo operativo incursori Comsubin della Marina militare. Questi I nomi dei militari coinvolti: Marco Pisani, Paolo Piseddu, Andrea Quarto, Emanuele Valenza, Michele Tedesco.

I militari colpiti dall’esplosione sono in condizioni stabili e non in pericolo di vita. A quanto apprende l’Adnkronos da fonti dello Stato Maggiore della Difesa, due militari hanno subito amputazioni a causa delle gravi ferite riportate. A un militare dell’Esercito è stata amputata la gamba sopra al ginocchio, mentre un militare della Marina ha subìto l’amputazione di parte del piede. A quanto si apprende, un altro militare ha riportato diversi traumi interni con alcuni versamenti e qualche costola rotta, ma le sue condizioni sono stabili. Un altro militare dell’Esercito ha invece subito traumi importanti ma meno rilevanti degli altri e le sue condizioni non destano preoccupazione. Un altro militare della Marina ha infine riportato nell’attacco diverse fratture ed è sottoposto a trattamento proprio perché i medici stanno provando a evitare rischi di amputazione.

Foto d'archivio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.