Decreto Sviluppo. 61 articoli, 70 pagine e 80 miliardi di euro per la crescita

Approvato dal CdM il decreto Sviluppo. 61 articoli, 70 pagine e 80 miliardi di euro per la crescita. Principali novità del decreto sono l’esclusione dall’Imu delle aziende, lo snellimento dei processi civili e la creazione dell’Agenzia Italia Digitale. Per la copertura di alcuni articoli del decreto si provvederà grazie ai tagli di alcune spese della Pubblica Amministrazione.

Le risorse mobilitate arrivano fino a circa 80 miliardi di euro mentre i tagli riguardano direttamente Palazzo Chigi e il ministero dell’Economia. Secondo il premier Monti questo sarebbe un provvedimento “organico e molto robusto”. Il ministro per lo Sviluppo Economico, Corrado Passera, fa sapere che delle risorse previste circa 45 miliardi arriveranno da project-bond e dalle misure in favore di piccole e medie imprese.

Via libera del CdM anche al piano dismissioni e, notizia molto importante per il Sud, il ministro Passera ha precisato che “Sulla Salerno – Reggio Calabria dobbiamo assicurarci che entro la fine dell’anno prossimo, nel 2013, tutti i cantieri siano completi, si tratta di una infrastruttura basilare del sud“.

Lo snellimento dei processi civili dà però adito a evidenti perplessità, il ministro Paola Severino afferma infatti: “Se l’appello sarà palesemente inammissibile non verrà celebrato. Questo non significa cancellare il processo di appello» ma introdurre la valutazione di un giudice che darà un giudizio di ammissibilità“.

 

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.