L’Iran è più determinato che mai ad andare avanti

È stato ucciso ieri l’esperto nucleare Mustafa Ahmadi-Roshan scienziato iraniano, docente della Sharif University, che lavorava presso il sito di arricchimento dell’uranio di Natanz. Questo è  il quarto omicidio da gennaio 2010. Sicuramente, quest’altro fatto, non aiuta ad allentare la tensione tra Iran e Israele, né tanto meno con gli Stati Uniti d’America. A dimostrazione di ciò vi sono le dichiarazioni del vice governatore della provincia di Teheran, Safar Ali Baratloo, che accusando gli israeliani dice: “ La bomba era magnetica, lo stesso tipo di quelle usate per gli omicidi di scienziati ed è il lavoro dei sionisti”. Questo avviene pochi giorni dopo chela Russiaha inviato le sue due navi da guerra a sostegno del regime siriano e subito dopo l’auspicio cinese per una maggiore collaborazione fra il governo iraniano è l’agenzia internazionale dell’energia atomica sul sito di arricchimento dell’uranio di Fordow.

In questi ultimi giorni, nonostante le minacce europee di ulteriori sanzioni ai danni dell’Iran, dopo il botta e risposta tra il Pentagono e Teheran si è avuta la “sensazione” che nessuno dei due voglia compiere l’ultimo passo necessario a scatenare un conflitto. Ben diversa è la posizione di Israele che, a favore di un attacco preventivo ai danni dell’Iran, ospiterà questa primavera la più grande esercitazione missilistica mai compiuta nella storia del mondo ebraico, come riportato dal Jerusalem Post, e che vedrà coinvolte sia le forze israeliane che quelle americane.

Ad ogni modo il programma nucleare iraniano procede come d’altronde precisato dal vicepresidente Rahimi che qualche ora fa, accusando Israele e gli Usa, ha detto: “Oggi, quelli che pretendono di combattere il terrorismo prendono di mira i nostri scienziati”, e dopo ha aggiunto, “ma costoro devono sapere che quelli sono più determinati che mai… ad avanzare sulla strada del progresso scientifico”.

La partita mediorientale si sta surriscaldando e probabilmente nei prossimi mesi si arriverà all’epilogo; quale che esso sia.

Michele Cannavò

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.