Terrorismo, Renzi, PD, forze occulte

Di Salvo Barbagallo Non sono pochi quelli che ammirano e apprezzano il premier Renzi: perché? “Perché – sostengono in molti – è uno che almeno sta facendo qualcosa”. E noi ci chiediamo: “Ma cosa ha fatto, o sta facendo Renzi?” Risposte fin troppo facili: ha rottamato i suoi leader, ha sfasciato il suo partito, il PD, ha messo a soqquadro la Scuola, non ha risolto le crisi economiche né ha dato lavoro (a giovani e meno giovani), e difende gli indagati della magistratura a spada tratta. Vi pare poco?

Leggi tutto

O “bello” ciao, ciao, ciao…

di Salvo Barbagallo Forse Matteo Renzi non se ne è reso ancora conto, oppure è il contrario, cioè che ha compreso bene che il suo tempo è scaduto, o, forse ancora (come abbiamo detto in precedenti articoli in momenti non sospetti) quel che doveva fare l’ha fatto e il rimanente gli interessa poco. Ma, cosa ha fatto di tanto importante che, probabilmente, è sfuggito ai più, o ai “non addetti ai lavori”? Quale era la vera “mission” di Matteo Renzi? Noi possiamo fare soltanto ipotesi di fantapolitica, sicuramente campate in…

Leggi tutto

Le mille facce dell’Italia di oggi

Di Salvo Barbagallo Chissà chi ha scritto il commento Rai sulla parata del 2 giugno ai Fori Imperiali: un Oscar per la retorica, di certo, l’autore di questa sorta di pamphlet lo meriterebbe. E un Oscar anche alla regia che si è soffermata costantemente sull’impeccabile duo Mattarella-Boldrini – Presidente della Repubblica e Presidente della Camera -, cercando di evitare la vicina figura di Matteo Renzi  – Presidente del Consiglio -.

Leggi tutto

Renzi: quel che doveva fare, l’ha fatto

Di Salvo Barbagallo Il premier Matteo Renzi con i suoi atteggiamenti dell’ultima ora probabilmente ha voluto lanciare un messaggio, non si comprende bene a chi e con quale contenuto. Ma questa è soltanto una “interpretazione” soggettiva tendente a dare una spiegazione “plausibile” all’apparente disinteresse mostrato per lo spoglio delle schede (e del risultato delle urne) mostrandosi apertamente a giocare con la playstation e dopo con il “volo” in Afganistan. Una forma di certo inconsueta di dire “grazie” a quanti si sono spesi per conto suo, e dopo del PD, nella…

Leggi tutto

Prime elezioni, calano i votanti

Di Carlo Barbagallo Prime elezioni, primo flop di votanti: in Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta l’affluenza alle urne in netto calo rispetto alla precedente consultazione. Alla chiusura dei seggi, alle 21 di ieri sera, in Alto Adige aveva votato il 66,9 per cento degli aventi diritto al voto, mentre cinque anni fa il dato era stato del 74,6 per cento. Il calo è stato dunque del 7,7 per cento. A Bolzano, l’affluenza ha fatto segnare il 57,7 per cento, ovvero l’8 per cento in meno di cinque anni fa.…

Leggi tutto