Università Catania, un “viaggio” tra bellezza, cultura e innovazione tecnologica

Gli studenti dei corsi Business Model Innovation, Management dell’Innovazione e Trade & Sales Management hanno incontrato Roberto Bonzio e Salvo Filetti

Un vero e proprio “Inspirational Day” per studentesse e studenti del Dipartimento di Economia e Impresa dell’Università di Catania grazie ad un “viaggio” che ha idealmente coniugato bellezza, cultura e innovazione tecnologica.

A viverlo le allieve e gli allievi dei corsi di studi Business Model Innovation (docente il prof. Rosario Faraci), Management dell’Innovazione (prof.ssa Cristina Longo) e Trade & Sales Management (prof.ssa Sonia Giaccone) che hanno incontrato due ospiti molto carismatici e che, nei rispettivi percorsi professionali e di vita, si sono distinti proprio per aver fatto dell’innovazione la missione principale delle loro attività.

Nell’aula 5 del dipartimento il protagonista è stato Roberto Bonzio, giornalista, scrittore, animatore del progetto Italiani di Frontiera che porta gli imprenditori italiani in Silicon Valley e che, a sua volta, va alla ricerca del talento imprenditoriale italiano in quei luoghi della California divenuti famosi in tutto il mondo per le start up, l’innovazione tecnologica e più recentemente quella digitale.

Un percorso “dal west al web”, come Bonzio stesso l’ha definito, che punta a liberare il talento delle persone e dunque a sprigionare quella energia creativa fondamentale per avviare un progetto d’impresa innovativa.

Il dottor Bonzio, eletto Cafoscarino dell’anno dall’Università Ca’ Foscari di Venezia, è tornato all’Università di Catania otto anni dopo il suo ultimo intervento all’interno dei seminari Start Up Academy organizzati dal prof. Faraci.

Nei locali dell’Accademia di Compagnia della Bellezza, studentesse e studenti dei tre corsi hanno successivamente incontrato il fondatore e direttore creativo dell’azienda, il noto hair designer Salvo Filetti, che insieme al suo team manageriale (composto da Anna Bondì, Maria Calabretta, Gabriella Messina, Dario Santocanale e Viviana Santanello), ha ripercorso le tappe più importanti del cammino che ha portato i tre brand Compagnia della Bellezza, Urban CdB e Joyacademy a diventare indiscussi punti di riferimento nel panorama del fashion beauty in tutta Italia e anche in Europa.

Nell’illustrare come, negli ultimi due anni, l’azienda abbia programmato e gestito il suo rebranding, Salvo Filetti, utilizzando la metafora dell’albero, ha descritto i saperi necessari per fare impresa. Il saper essere innanzitutto, poi il saper pianificare. Quindi i tre saperi del fare, dell’avere e del comunicare. Infine, con un suggestivo rito di moltiplicazione della luce dalle candele tenute in mano da studentesse e studenti, il Maestro Filetti ha illustrato l’ultimo, non per importanza, dei saperi. Il Togetherness, cioè il saper fare squadra e creare unione nei teams.

Nelle prossime settimane, studentesse e studenti dei corsi del Dipartimento di Economia e Impresa incontreranno in aula altri imprenditori innovatori e il 16 dicembre si recheranno in visita aziendale a Vizzini per scoprire dal vivo la innovativa realtà di Alleva.Bio di Giuseppe Grasso, un laureato in Economia dell’Università di Catania oggi imprenditore. 

Nella foto, gli studenti con Roberto Bonzio,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.