Ultime Covid Italia: 22.527 nuovi casi e 60 decessi. In Sicilia 4 vittime

Ultimi aggiornamenti sull’andamento della pandemia. Sono 22.527 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia oggi, 22 settembre 2022, secondo i dati e i numeri Covid – regione per regione – del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 60 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 165.415 tamponi con un tasso di positività al 13.6%. Sono 138 le terapie intensive occupate, 8 in meno da ieri, e 3.350 ricoveri ordinari, 66 in meno da ieri.

IN SICILIA. Altre quattro vittime e 950 nuovi casi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore con 10.160 tamponi processati. L’indice di positività è  9,3%.

Contagi in calo in Sicilia. Nella settimana dal 12 al 18 settembre si registra un ulteriore decremento delle nuove infezioni e un’incidenza pari a 6033 (-7.5 per cento), con un valore cumulativo di 136/100.000 abitanti. E’ quanto emerge dal bollettino settimanale del dipartimento Asoe della Regione siciliana. Il tasso di nuovi positivi più elevato rispetto alla media regionale ha interessato le province di Messina (190/100.000 abitanti), Siracusa (153/100.000) e Catania (130/100.000). Le fasce d’età maggiormente a rischio risultano quelle tra i 60 ed i 69 anni (167/100.000) e tra i 70 e i 79 anni (168/100.000). Anche le nuove ospedalizzazioni sono in lieve diminuzione.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale i dati del report fanno riferimento alla settimana dal 14 al 20 settembre. Nella fascia d’età 5-11 anni, i vaccinati con almeno una dose si attestano al 25,97 per cento mentre hanno completato il ciclo primario di vaccinazione 68.843 bambini, pari al 22,34 per cento. Gli over 12 anni vaccinati con almeno una dose si attestano al 90,76 per cento del target regionale. Ha ultimato il ciclo primario l’89,43 per cento del target. I vaccinati con terza dose sono 2.763.067 pari al 72,30 per cento degli aventi diritto.

Dall’1 marzo è iniziata la somministrazione della quarta dose per gli over 12 con marcata compromissione della risposta immunitaria e dal 13 luglio è stata estesa agli over 60 e alle persone a elevata fragilità over 12 anni, purché sia trascorso un intervallo minimo di almeno 120 giorni dalla prima dose di richiamo o dall’ultima infezione successiva al richiamo (data del test diagnostico positivo). Dal 1 marzo sono state effettuate complessivamente 107.095 somministrazioni di quarta dose di cui 103.547 a soggetti over 60.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.