Ultime Covid Italia: 94.165 contagi e 60 decessi. In Sicilia 5 vittime

Ultimi aggiornamenti sull’andamento della pandemia. Sono 94.165 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia oggi, 29 giugno 2022, secondo i dati e i numeri Covid – regione per regione – del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 60 morti.

Sono 357.210 i tamponi processati, che fanno rilevare un tasso di positività pari al 26,3%. Aumentano i pazienti ricoverati in terapia intensiva, che sono 248 e 11 in più di ieri, e i ricoverati con sintomi, 6.254 e 219 in totale.

IN SICILIA. Altre cinque vittime e 5.832 nuovi casi I Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore con 26.850 tamponi effettuati. L’indice di positività è 21,7% mentre ieri era al 27,6%.

In Sicilia è boom di contagi, +47,85%

E’ boom di contagi in Sicilia dove nell’ultima settimana (20-26 giugno) si è registrato un forte incremento dei nuovi casi con un’incidenza pari a 33.044 (+47,85%) e un valore cumulativo di 688,21/100.000 abitanti. Il tasso di nuovi positivi più elevato rispetto alla media regionale si è registrato nelle province di Palermo (815/100.000 abitanti), Catania (793/100.000), Ragusa (731/100.000) e Siracusa (728/100.000). Le fasce d’età maggiormente a rischio risultano quelle tra i 45 e i 59 anni (798/100.000) e tra i 60 e i 69 anni (797/100.000). In aumento anche le nuove ospedalizzazioni. I dati sono forniti dal Dipartimento per le attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico della Regione Siciliana.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale (periodo dal 22 al 28 giugno), nel target 5-11 anni i vaccinati con almeno una dose si attestano al 27,36%, mentre il 23,54%, pari a 72.560 bambini, risulta aver completato il ciclo vaccinale. Gli over 12 vaccinati con almeno una dose si attestano al 90,59% del target regionale. Ha completato il ciclo primario l’89,30%. Per quanto riguarda la terza dose, i vaccinati con booster sono 2.737.260, pari al 72,83% degli aventi diritto, mentre sono ancora 1.037.585 i soggetti che possono effettuarla ma non l’hanno ancora fatta.

Dal primo marzo è iniziata la somministrazione della quarta dose per gli over 12 con marcata compromissione della risposta immunitaria e che hanno già completato il ciclo vaccinale primario con tre dosi da almeno 120 giorni. Dal 12 aprile è stata estesa la somministrazione della quarta dose agli over 80, ospiti dei presidi residenziali per anziani e ai soggetti tra i 60 e 80 anni affetti da condizioni di particolare fragilità che abbiano ricevuto la terza dose da oltre 120 giorni senza intercorsa infezione da Covid-19. Dal primo marzo sono state effettuate complessivamente 34.319 somministrazioni di quarta dose di cui 24.811 ad over 80.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.