Da Regione 19 mln per progetto Cnr a Catania

Finanziato con 19 milioni di euro dal governo Musumeci il progetto di potenziamento dell’infrastruttura di ricerca “Beyond–Nano” del Consiglio nazionale delle ricerche nel polo microelettronico di Catania. Il contributo individuato dal dipartimento regionale delle Attività produttive andrà a gravare sui fondi ricerca del Po-Fesr 2014/2020 per la creazione e lo sviluppo del sito di eccellenza scientifico-tecnologica nell’Etna Valley. Si tratta della terza infrastruttura siciliana di ricerca di carattere strategico nazionale, insieme al laboratorio Idmar dell’Istituto nazionale di fisica nucleare e ai laboratori di ricerca e servizi diagnostici e terapeutici dell’Ismett.  

L’intervento finanziario della Regione siciliana, che si aggiunge a quello del ministero dell’Università e della ricerca che nel 2020 ha stanziato 15 milioni di euro e all’investimento di 6 milioni da parte del Cnr, consentirà di acquisire la strumentazione scientifica e di completare l’opera per implementare le due nuove apparecchiature: una per la ricerca sui nuovi materiali e processi per la microelettronica e l’altra per lo sviluppo di soluzioni avanzate per il fotovoltaico.

“Il progetto del Cnr ha un doppio valore strategico per la Sicilia – dice l’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano – non solo consente di fare un passo avanti sulla competitività del comparto industriale nazionale interessato alla microelettronica, all’aerospazio o all’energia, ma ha anche  importanti ricadute economiche e sociali sul territorio del polo microelettronico siciliano che ci permetterà, grazie anche alla collaborazione con le università, di fare in modo che tanti nostri giovani laureati rimangano in Sicilia a impiegare energie e competenze”.

“Attraverso questi interventi -spiega Massimo Inguscio, presidente del Cnr -l’infrastruttura di ricerca Beyond–Nano sarà dotata di strumentazioni avanzate. Le attività saranno concepite in modo da creare un ‘continuum’ fra la scienza dei materiali e la tecnologia dei dispositivi per ridurre i tempi di trasferimento dalla ricerca alle applicazioni di mercato. L’obiettivo del Cnr è mettere le realtà industriali operanti nel territorio regionale nelle condizioni di affrontare con successo le sfide all’interno di mercati dove la competizione si gioca sull’avanzamento della conoscenza scientifica e sulla capacità di innovazione”.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.