Coronavirus: in Sicilia obbligo delle mascherine all’aperto

Mentre sale il numero dei contagiati e dei morti in Sicilia, il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha firmato la sua ultima annunciata ordinanza. Una stretta che scatta da mercoledì 29 settembre e che impone la reintroduzione dell’obbligo delle mascherine anche in luoghi pubblici all’aperto, mitigato dalla limitazione ai casi in cui non c’è distanziamento sociale e stringenti limiti agli assembramenti e alla movida, con nuove zone rosse. Allo studio la fattibilità di altre norme anti-assembramento nei luoghi e nelle situazioni a più alto rischio. Con un paletto esplicitamente richiesto agli esperti: evitare di penalizzare le attività economiche.

Secondo l’ultimo bollettino del ministero della Salute, sono 107 i nuovi casi di Covid-19 nell’Isola che fanno salire il numero dei contagiati attuali a 2.656: 268 ricoverati con sintomi, 14 in terapia intensiva (+1) e 2.377 in isolamento domiciliare. Crescono i deceduti: 308, due in più rispetto a ieri. Sono 6.683 i casi totali, 3.726 i dimessi guariti, con un incremento dei tamponi effettuati pari a 4.202. La Regione Sicilia ha comunicato che dei 107 nuovi casi positivi di oggi, 7 sono migranti dell’hotspot di Lampedusa. Dei 107 nuovi casi, oltre la metà, ben 66, sono riferibili alla provincia di Palermo; 14 a quella di Catania, 10 a Enna, 6 a Messina e a Caltanissetta, 3 a Ragusa, uno a Agrigento e Trapani. Zero nuovi contagi nella provincia di Siracusa.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.