Catania: l’Accademia Federiciana al Museo Emilio Greco

di Giuseppe Stefano Proiti

Dopo il successo riscosso dal premio “Sicily Vision Art”, è tutto pronto al Museo Emilio Greco di Catania per una nuova avventura dal titolo “Virtuosismi tecnici”, che vede come protagoniste le donne Nelly D’Urso, Antonella Serratore, e come curatore il presidente dell’Accademia Federiciana Fortunato Orazio Signorello. La storia di quest’ultimo è composita ed in continua evoluzione. Presente quest’anno per la terza volta (nel 1999 insieme ad altri 4 critici d’arte e nel 2007 come unico critico d’arte) nel Comitato scientifico internazionale della “Biennale di Firenze” – la seconda per importanza dopo la “Biennale di Venezia” – compare tra le prestigiose firme dell’Enciclopedia d’Arte italiana, tra cui Vittorio Sgarbi, Ludovico Gierut, Pierfranco Bertazzini, Alberto Moioli, Gianluigi Guarneri e Paola Simona Tesio, che hanno introdotto – nei precedenti volumi – noti artisti contemporanei.
Includendo quello straordinario fermento creativo che ha caratterizzato l’arte postmoderna e contemporanea, il quarto volume dell’importante enciclopedia è stato presentato lo scorso 28 febbraio 2015 al Museo Fondazione Luciana Matalon di Milano (fondato nel 2000 come spazio espositivo pensato appositamente per la promozione, lo studio e la valorizzazione dell’arte contemporanea)
La prima sezione del volume è dedicata agli artisti storici e contemporanei inseriti in ordine alfabetico. Le altre 3 sezioni sono, rispettivamente, “I Critici presentano”, “Gallerie e Istituzioni presentano” e “Speciale istituzioni”. Alla presentazione sono intervenuti il dott. Nello Taietti (direttore Museo Fondazione Luciana Matalon), Giorgio Ramella e Alberto Moioli (direttore editoriale dell’Enciclopedia d’Arte italiana).
Tornando al premio “Sicily Vision Art” ricordiamo i nomi dei 9 giovani talenti premiati lo scorso 14 gennaio al Museo Emilio Greco, nell’ambito della rassegna d’arte visiva “Esplicitazioni creative”: Marlena Justyna Banbura, Michelangelo Beltrami, Anna Di Mauro, Nicolò Grasso, Salvatore Morgante, Federica Mula, Ciro Mozzillo, Giuseppe Spinoso, Pietro Alessandro Trovato.
Tra le finalità del premio “Sicily Vision Art”, la valorizzazione delle doti peculiari degli artisti che portano avanti una ricerca espressiva sia tradizionale che innovativa, e la promozione della loro produzione artistica attraverso la pubblicazione di articoli nonché l’inserimento in prestigiosi volumi d’arte contemporanea come l’enciclopedia succitata.
Nell’assegnare il riconoscimento, l’Accademia Federiciana ha avviato – a detta di Signorello –”un’indagine tra le più interessanti proposte nell’ambito nazionale dell’arte contemporanea, attuando ricerca, qualità, originalità, e una selezione accurata di artisti di diverse generazioni“.

Il mese di aprile, ci regalerà nuove emozioni, partendo dall’inaugurazione di oggi alle ore 17.30 della bipersonale “D’Urso – Serratore” e proseguendo nelle settimane a venire con la rassegna d’arte visiva “Vitalismi stilistici”.
Buona arte a tutti.

Potrebbero interessarti

One Thought to “Catania: l’Accademia Federiciana al Museo Emilio Greco”

  1. […] LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SU “LA VOCE DELL’ISOLA“ […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.