Monti-bis? Convinto di piacere

Il premier Mario Monti appare disponibile a proseguire la sua carriera politica: dopo avere escluso, in tante occasioni, la possibilità di continuare sulla strada intrapresa, in un incontro al Council on Foreign Relations a margine dei lavori della 67esima Assemblea Generale delle Nazioni Unite in corso a New York, non ha escluso di poter lavorare ancora al servizio del Paese. Monti ha specificato che lo farà “Nel caso di circostanze particolari potrei considerare questa ipotesi, ma spero di no. Non ho preclusioni su nulla”.
Probabilmente non si tratta solo di una battuta, se si tiene conto che proprio nei giorni scorsi personaggi di rilievo del mondo bancario, come Goldman Sachs, Citigroup e Morgan Stanley, hanno considerato estremamente importante una continuità nel governo dell’Italia, appunto sulla linea direttrice del Governo Monti. Un “bis” di Monti, pertanto, oggi non appare e non è da considerare un’ipotesi tanto peregrina.
Ovviamente Mario Monti non mostra l’intenzione di “candidarsi”: come lo stesso premier ha affermato, non si presenterà alle elezioni: “non ce n’è bisogno perché sono senatore a vita…”. Come dire, che potrà scendere in campo solo se gli verrà richiesto. E con forza. Ma chi glielo chiederà? Quasi sicuramente non la collettività nazionale, che sta pagando sulla propria pelle la salvezza del Paese, costo pesantissimo che non è ricaduto certamente sulla politica e sui politicanti che lo stesso Paese rappresentano.
C’è, comunque, chi interpreta le parole del premier come un’affermazione di volontà, cioè come se Monti già pensa al suo “bis”, che voglia, cioè ancora, governare per altri cinque anni, ma senza farsi eleggere dal popolo, al quale offre una chance quando dichiara “gli italiani sono stati probabilmente sottoposti alla cura più pesante ed intensa che abbiano mai avuto: non sono soddisfatti delle singole misure che abbiamo dovuto prendere ma sembrano avere fiducia nel governo”. Non sappiamo quali sondaggi offrano una visione così ottimistica dell’umore della gente.

Salvo Barbagallo

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.