Perse le prove dell'attentato di Brindisi. Autocombustione?

La notizia, passata in sordina nei giorni scorsi sulle pagine dei maggiori quotidiani nazionali (che si sono ben guardati dal metterla in rilievo) appare invece gravissima. Lo scorso 2 luglio, alle 4 di notte un’esplosione che non ha provocato vittime avrebbe però bruciato nientemeno che il laboratorio della Polizia Scientifica che si trova all’interno dei locali della Direzione Centrale della Polizia di Stato a Roma. Gli uffici si trovano all’interno di un enorme complesso sulla Tuscolana che riunisce tutti gli uffici centrali e i reparti del Ministero degli Interni. Si…

Leggi tutto

Attentato Brindisi: avrebbe confessato l'autore

Sarebbe accusato di strage con finalità di terrorismo. Sarebbe lui il mostro che il 19 maggio scorso ha fatto a pezzi Melissa Bassi e ridotto in fin di vita Veronica Capodieci, ferendo anche altre 5 ragazze dell’istituto Morvillo-Falcone di Brindisi. Si chiama Giovanni Vantaggiato, ha 68 anni, è di Copertino (Le), è titolare di un deposito di carburanti a Copertino, ha una Fiat Punto. E soprattutto ha confessato. Doveva farlo. Lo incastra la sua Fiat Punto ripresa nei pressi della scuola da una telecamera, lo incastra la somiglianza con il…

Leggi tutto

Attentato di Brindisi, il video e i dubbi

L’esclusiva del video in mano agli inquirenti (o almeno di una parte di esso) è di Sky Tg 24 che ieri lo ha trasmesso e messo online. Nel video si vede l’uomo indicato come l’esecutore materiale dell’attentato alla scuola Morvillo-Falcone, e non ancora identificato, aggirarsi attorno al famoso chiosco da cui sarebbe stato ripreso e a un certo punto estrarre dalla propria tasca un piccolo telecomando (forse simile a quelli in uso per l’antifurto delle auto) e premere il pulsante. Poco dopo il fumo e l’uomo che si allontana come…

Leggi tutto

Brindisi: trasferita al centro ustioni di Pisa Veronica

Veronica Capodieci, la 15enne studentessa della scuola Morvillo-Falcone di Brindisi è stata trasferita presso il centro grandi ustionati dell’ospedale Cisanello di Pisa. Veronica rimase gravemente ustionata nel vile attentato che sabato 19 ha ucciso Melissa Bassi e ferito sei studentesse (fra le quali appunto Veronica è in assoluto la più grave e per ben tre volte si era temuto il peggio). Il trasferimento è stato richiesto in forma urgente dall’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce dove, quello stesso drammatico giorno Veronica era stata trasportata da Brindisi e dove è stata effettuata…

Leggi tutto

È strategia del terrore. Riunite le prefetture d'Italia

Sono stati convocati presso quasi tutte le prefetture italiane i vertici per l’ordine e la pubblica sicurezza. Dopo l’attentato di stamattina a Brindisi, dove la 16enne Melissa Bassi è morta dilaniata e un’altra, Veronica Capodieci lotta tra la vita e la morte, a Lecce sono presenti fra gli altri il ministro Profumo e il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso. Dagli Stati Uniti ha telefonato il presidente Monti impegnato nel G8 che ha proclamato il Lutto Nazionale per tre giorni. Le indagini, inizialmente indirizzate verso la criminalità organizzata locale si spostano…

Leggi tutto

Brindisi: tre bombole di gas collegate per far strage di studentesse

Si aggiorna tragicamente il bilancio dell’attentato che stamane ha sconvolto Brindisi. Morta Melissa Bassi, sette i feriti, due di questi ancora in sala operatoria in condizioni gravi ma sembra non in pericolo di vita. Melissa Bassi aveva sedici anni e tanta voglia di vivere. Erano compagne e amiche con Veronica Capodieci, ancora gravissima in ospedale. Melissa è deceduta all’ospedale di Brindisi. Melissa era ustionata sul 90% del corpo, aveva perso un arto durante l’esplosione. Veronica, sottoposta a un intervento chirurgico, combatte ora fra la vita e la morte. Le sue…

Leggi tutto