Nostalgia (o tentazione?) della strategia della tensione

Di Salvo Barbagallo Corsi o ricorsi? Nostalgia (o tentazione…) della strategia della tensione? Nostalgia di anni dimenticati (e messi in archivio da tempo) che tanto dolore e tante vittime hanno provocato? Sono queste le prime domande che vengono spontanee dopo avere appreso del blitz dei carabinieri del Ros all’Aquila, Montesilvano, Chieti, Ascoli Piceno, Milano, Torino, Gorizia, Padova, Udine, La Spezia, Venezia, Napoli, Roma, Varese, Como, Modena, Palermo e Pavia che ha portato dietro le sbarre 14 presunti terroristi (o aspiranti tali) di matrice neofascista. Subito si parla di “eversione nera”…

Leggi tutto

Si stringe il cerchio attorno a Matteo Messina Denaro

Si stringe il cerchio attorno a Matteo Messina Denaro considerato numero uno di Cosa Nostra. Questa mattina in provincia di Trapani la Polizia, Carabinieri, Guardia di finanza, Direzione investigativa antimafia (Dia) e Ros, hanno portato a termine un’operazione antimafia, dove sono stati eseguiti trenta provvedimenti di arresto, emessi dal gip di Palermo, che riguardano esponenti di spicco del clan di Matteo Messina Denaro e in particolare

Leggi tutto

Il superlatitante calabrese Domenico Trimboli catturato in Colombia

Catturato in Colombia il latitante Domenico Trimboli, era inserito nella lista dei ricercati più pericolosi del Ministero dell’Interno. Al termine di articolate attività investigative, condotte in Italia ed Oltreoceano delle Squadre Mobili di Reggio Calabria ed Alessandria e dal ROS dei Carabinieri, è stato rintracciato e catturato nella città di Medellín in Colombia il latitante TRIMBOLI Domenico, alias Pasquale, nato a Buenos Aires e legato ad ambienti di ‘ndrangheta della fascia Jonica reggina. Trimboli era latitante dal 2009, cioè da quando il Tribunale di Reggio Calabria emise un ordine di custodia…

Leggi tutto

Trattativa: udienza preliminare, atto terzo

Al via ieri mattina, sempre presso l’Aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo, la terza seduta dell’udienza preliminare relativa al procedimento sulla presunta “Trattativa” Stato-mafia. Si sta procedendo nella celebrazione di quella che, secondo il codice di rito, è la fase-filtro a conclusione della quale il gup Piergiorgio Morosini deciderà se emettere il decreto che dispone il giudizio, e quindi consentire l’apertura della fase dibattimentale in cui si procederà alla dialettica costruzione della verità processuale concernente i retroscena della stagione stragista, oppure chiudere la parentesi processuale con una sentenza di…

Leggi tutto

Palermo. "Trattativa": udienza preliminare atto secondo

Giovedì 15 novembre, presso l’Aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo, è ripresa l’udienza preliminare del processo relativo all’accertamento della presunta” Trattativa” intercorsa tra lo Stato e la mafia, che ha fatto da sfondo alla stagione stragista del 92-93, e che vede coinvolti 12 personaggi dai diversi ma discutibili trascorsi sui quali pendono i seguenti capi di imputazione: per l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino il reato contestato è la falsa testimonianza; per il generale Mario Mori ex colonnello dei Ros, il colonnello Giuseppe De Donno ex capitano dei Ros, il…

Leggi tutto

Perugia, arrestati gli assassini di Luca Rosi

Sono stati arrestati oggi, al confine con la Slovenia, due presunti responsabili di una serie di rapine in villa, una delle quali a Ramazzano ha portato alla brutale uccisione di Luca Rosi, bancario 38enne intervenuto in difesa della fidanzata fatta oggetto di pesanti attenzioni da parte di uno dei rapinatori, che voleva probabilmente usarle violenza. I due arrestati sono Iulian Ghiorgita e Rosu Aurel, di nazionalità romena, rientravano in Italia dopo un breve periodo trascorso in Romania. Ancora da appurare se erano fuggiti in Romania, o se, più semplicemente erano…

Leggi tutto

Iblis: arrestato il latitante Vincenzo Santapaola, figlio di Nitto

I carabinieri del Ros hanno tratto in arresto il 43enne Vincenzo Santapaola, figlio del boss ergastolano Benedetto. Il primogenito era sfuggito al blitz Iblis del 3 novembre scorso, rendendosi irreperibile. È accusato di associazione mafiosa, di avere guidato la famiglia un tempo capeggiata dal padre e, in particolare, di essere stato il punto di riferimento del reggente della cosca, Vincenzo Aiello, che teneva i rapporti con i mafiosi di Palermo. Nei suoi confronti, il 28 febbraio scorso, il Tribunale del riesame ha confermato la richiesta di ordinanza di custodia cautelare emessa dal…

Leggi tutto