Mascalucia e Pedara ricordano la ribellione ai nazisti nell’agosto del ‘43

Di Salvo Barbagallo C’è una memoria volutamente cancellata dalla storiografia ufficiale degli ultimi settant’anni. Una memoria senza la quale non si può comprendere il presente che si vive, né ipotizzare lo scenario di un futuro. E la memoria che riguarda la Sicilia degli Anni ’40-’45 è il presupposto che può spiegare i mutamenti e non le “trasformazioni” che ha avuto l’Italia dal dopoguerra ad oggi, i nuovi assetti dell’Europa, la perenne instabilità delle nazioni dell’area del Mediterraneo. Qualche marginale fiammella si accende nel nulla per spegnersi subito nell’indifferenza generale:

Leggi tutto