Elezioni: la Sicilia determinante come le condizioni meteo

E adesso gli esperti in analisi sostengono che la situazione meteo di domenica e lunedì, unitamente agli indecisi, potrà condizionare l’esito delle elezioni. Eh sì!, per domenica e lunedì, infatti, le previsioni meteo indicano che l’Italia sarà divisa in due con il Nord ancora stretto nella morsa del gelo, con nevicate anche a quote basse e forti precipitazioni, mentre al Sud il tempo si manterrà incerto. Gli analisti sostengono che una minore affluenza alle urne danneggerebbe principalmente, e nella stessa misura, sia  il Pd che il Pdl, mentre secondo il…

Leggi tutto

Sicilia osservata speciale. Ma dopo Lombardo…

Alla fine, “il Mario” non commissaria. Anzi, si trova qualche altro spicciolo e lo “dona” gentilmente alla sanità siciliana. Ma, come raccontano le cronache dei maggiori quotidiani, il risultato dell’incontro di ieri a Palazzo Chigi tra i Presidenti è «un piano di rientro finanziario e di riorganizzazione della pubblica amministrazione regionale, che sia vincolante nei tempi e negli obiettivi». Prendendo positivamente atto dell’impegno recentemente avviato dal Governo regionale per la riduzione dell’organico del personale regionale, dei dirigenti e delle società partecipate, nonché dei primi risultati raggiunti nell’ambito del piano di…

Leggi tutto

L’Italia dei mille interrogativi che non hanno risposte adeguate

Tra accuse, poi scuse, tra pensamenti e ripensamenti sulle pesanti misure per uscire dalla crisi,il governo Monti va avanti, continuando a pesare sempre maggiormente sulle solite fasce di cittadini, poco o nulla facendo per le classi privilegiate, quelle che hanno montagne di euro ben custodite. Quelle classi privilegiate costituiscono il nocciolo duro degli “intoccabili”. A fronte delle decine di suicidi, Monti si esprime facendo riferimento alla Grecia, dove la crisi ha provocato migliaia di suicidi: il “fenomeno”, sicuramente “nuovo” per l’Italia, non è considerato un campanello d’allarme, per ora desta…

Leggi tutto

“Manovra Monti”: in Sicilia è già sciopero per cinque giorni

E’ in corso lo sciopero di cinque giorni – che  si concluderà alla mezzanotte tra venerdì 20 e sabato 21 gennaio – che prevede il blocco totale del trasporto siciliano. La protesta è organizzata da “Forza d’urto”, movimento nato dall’unione degli Autotrasportatori Aias, dal Movimento dei Forconi, dal Movimento dei pescatori, da imprenditori agricoli e da tante altre organizzazioni. “Forza d’urto” ha invitato tutti i siciliani ad aderire alla protesta recandosi nei vari presidi che saranno istituti su tutto il territorio dell’isola. Si tratta infatti di una manifestazione popolare nel…

Leggi tutto

Il testo integrale con conversioni del decreto "Salva Italia"

Via libera del Parlamento al decreto del governo Monti per blindare il pareggio di bilancio nel 2013. La manovra vale da sola 34,9 miliardi di euro tra il 2012 e il 2014. Delle risorse raccolte dal decreto salva Italia, 21,4 vanno alla riduzione del deficit pubblico, 13,4 al rifinanziamento di spese indifferibili (come le missioni di pace all’estero) e al rilancio della crescita economica. Le maggiori entrate assicurano circa l’85% della manovra e, tra queste, spiccano quelle che si abbatteranno sui patrimoni immobiliari e finanziari (14,1 miliardi, pari al 55% delle…

Leggi tutto

L’Italia verso lo sfascio

Il nuovo Governo del Paese ha fatto la sua prima mossa ed ha presentato la sua manovra “salva Italia”: le reazioni sono state immediate, negative, tranne qualche interessato intervento (Marcegaglia, Casini) in positivo. C’è stata molta meraviglia per le decisioni prese dal premier Monti. Meraviglia, a nostro avviso, ingiustificata: c’era da aspettarsi altro da un Governo nato e chiamato ad operare proprio per dare una stangata agli italiani? L’Italia deve essere salvata, l’Europa deve essere salvata, i sacrifici saranno “equi”: ma dove sta l’equità? A pagare sono sempre i soliti,…

Leggi tutto

Cosa porterà il nuovo Governo. Ma l’Italia nelle mani di chi sarà?

Che l’Italia stia attraversando uno dei periodi più delicati della sua esistenza socioeconomica è una circostanza che ormai è sotto gli occhi di quasi gli italiani. Molti, moltissimi di questi italiani attribuiscono a Berlusconi l’attuale condizione critica del Paese: Berlusconi ha sicuramente le sue responsabilità, e le ha pagate tutte in una volta, al limite del “linciaggio”, come le contestazioni nel momento delle sue dimissioni hanno dimostrato. Ma le cause di un disastro sempre annunciato vanno ricercate lontane nel tempo, tanto lontane che si è persa la memoria e rinverdirla…

Leggi tutto

L’Italia dopo Tremonti e Berlusconi: è un giorno nuovo, ma sarà migliore?

Dodici novembre 2011, secondo la piazza, secondo i social network, secondo il tam tam radiotelevisivo è l’alba di un giorno nuovo. Un’era, con le dimissioni del governo Berlusconi, è finita. Qualcuno parla addirittura di Terza Repubblica. Inizia un periodo di transizione, affidato a un tecnico di provate stima e fiducia. Mario Monti. Di certo non mancherà a molti, forse moltissimi, la presidenza dell’on. Berlusconi, né ci mancherà la politica di promesse del nulla che hanno caratterizzato la legislatura. Più ancora non ci mancherà l’eco di parole che fino a pochi…

Leggi tutto

Crisi: perché un “nuovo” governo e non dare invece, la parola agli italiani?

Berlusconi Ko, legge di Stabilità Ok, prenderanno il via le consultazioni del Capo dello Stato che porteranno ad un nuovo incarico per la formazione di un nuovo Governo, probabilmente entro domenica. Sarà tutto “nuovo”, ma il “nuovo” non è dato per scontato. Per il Presidente Napolitano c’è un nome, e solo un nome “nuovo”: Mario Monti, ex commissario europeo gradito – e quindi candidato – alle opposizioni, compreso l’IDV di Di Pietro. Mala Legadice “no” a Monti, ed anche gran parte del PDL dice “no” a Monti. Ci sono da…

Leggi tutto