Guai ai piccoli, agli umili, ai poveri

Di Guido Di Stefano      Guai ai piccoli, agli umili, ai poveri, ai semplici, agli uomini retti e di buona volontà; guai ai popoli, alle nazioni, al genere umano: insomma guai a chi non ha le armi e le forze per difendersi e offendere; guai a chi non risponde alla malvagità con la malvagità; e ancora di più guai a chi non riesce ad individuare con esattezza i veri nemici, artisti della mimetizzazione e della disinformazione,  grandi ammaliatori ( o corruttori se volete) che per ogni “Homo gloriosus” (uomo…

Leggi tutto

Parola d’ordine: “Autocensurarsi!”

Di Salvo Barbagallo I recenti attacchi terroristici di militanti jihadisti nel cuore dell’Europa hanno messo in moto un meccanismo di opposte prese di posizioni che non riguardano solo “Il che fare?” per porre in sicurezza cittadini e Istituzioni, ma anche come salvaguardare quel poco (o molto) che resta dei valori della cosiddetta democrazia occidentale. La principale forza di chi opera usando come strumento la violenza è quella di riuscire a scardinare le più radicate convinzioni nate dalla Rivoluzione francese sotto l’egida di quei tre termini inalienabili “Libertè, Egalitè, Fraternitè”, sanciti…

Leggi tutto

L’Isola senza cielo

Che lo spazio aereo siciliano fosse sotto il controllo strategico anglo-americano non era una novità. Che i “controllori” non vogliono “interferenze”, neanche potenziali, è sicuro: né Hub intercontinentale siculo-cinese (turistico e commerciale), né null’altro, manco una piccola e scalcagnata compagnia, come Wind Jet, deve disturbare la dittatura occulta sullo spazio aereo siciliano. I padroni sono loro: in Terra in Cielo in Mare e in ogni Luogo. Loro sono il Dominus ex Machina, i Signori dell’Impero clandestino. I Signori della Guerra e gli unici detentori dei sacri segreti della “Libertà” e…

Leggi tutto

Vuoi essere un Uomo libero?

Una frase sentita dire molte volte,  forse anche troppo spesso, è stato il giusto pretesto per definire la rilevanza di una asserzione deprecabile in sede penale, in quanto la Suprema Corte di Cassazione, Sez. V Penale, con la sentenza del 27 marzo 2012 n.11621 haritenuto sussistere i reati di ingiuria e minaccia. I Giudici di ultima istanza, infatti, hanno analizzato la portata dell’affermazione, disvelando una presunta “superiorità” dell’autore del reato, che combinata con la promessa di una vendetta, può essere percepita dall’ascoltatore come plausibile, proprio in ragione del fatto che…

Leggi tutto