Presidente, il vento non sa leggere

Di Salvo Barbagallo I più anziani ricordano il film del 1958 “Il vento non sa leggere” diretto da Ralph Thomas, tratto dall’omonimo racconto di Richard Mason, con protagonisti un giovanissimo Dirk Bogarde e una ancora più giovane Yoko Tani: quella frase “Il vento non sa leggere” veniva tirata fuori in ogni discussione quando non si trovava una condivisione accettabile. A oltre mezzo secolo di distanza quelle cinque parole sono state rispolverate per un incidente (definito “curioso”) accaduto ieri mentre al Parlamento era in corso la terza votazione per l’elezione del…

Leggi tutto

La Voce degli altri: il nemico di comodo

Una interessante analisi del fenomeno Salvini (e sui suoi “padri”) , pubblicata su il manifesto di oggi a firma di Michele Prospero “Se si vuole capire come i media costrui­scano in labo­ra­to­rio una lea­der­ship, biso­gna seguire la sca­lata di Mat­teo Sal­vini. In un sistema sem­pre più disar­ti­co­lato, il gra­di­mento dei media basta da solo per inven­tare un lea­der dal nulla. Chi pensa alla Lega come a un sog­getto quasi nove­cen­te­sco, dal denso radi­ca­mento ter­ri­to­riale e dai riti para-ideologici di massa, si inganna.

Leggi tutto

Antipolitica e Pannella. Il doppio messaggio di Napolitano che non si è voluto cogliere

di Valter Vecellio L’altro giorno abbiamo avuto la prova provata che si vive una realtà dove si è sommersi di “comunicazioni”, giungono “notizie” di ogni tipo, ne siamo spesso travolti; e al tempo stesso si sguazza in un mare di letterale ignoranza. Per citare il titolo di un bel libro di Jean-François Revel di anni fa, “La conoscenza inutile”. La prova provata è costituita dall’intervento del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano messaggio all’Accademia dei Lincei, e dal messaggio, i parallelo, inviato a Marco Pannella in occasione della sua premiazione disposta…

Leggi tutto

Elezioni Europee. Vincono apparati e segreterie politiche

Di Salvo Barbagallo Elezioni Europee e Governo (Renzi) Italiano sono andati a braccetto e per il PD è un fatto politico di rilievo: ha raggiunto (conquistato?) una percentuale di certo desiderata ma forse non sperata. Una percentuale che, nei decenni passati (nel 1980) è riuscita a raggiungere solo la “balena bianca”, la tanto “odiata” Democrazia Cristiana. Parliamo di una percentuale del ben 40,81 per cento! Tanto di cappello, si può dire, e Renzi ha tutto il diritto di definirsi il rottamatore dei tempi bui e può vantarsi pure d’avere aperto…

Leggi tutto

Letta: abolito finanziamento ai partiti

Di Luigi Asero Con un twet il premier Enrico Letta ha annunciato che oggi il Consiglio dei Ministri ha approvato con decreto l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Lo stesso decreto introduce per i partiti l’obbligo di certificazione esterna del bilancio. I cittadini potranno scegliere, con la dichiarazione dei redditi, di destinare il 2 per mille ai partiti, mentre rimarrà alle casse dello Stato (senza finanziare cioè i partiti) la quota non scelta dai cittadini. 

Leggi tutto

Siria: ora cercano una via d’uscita. Ma Obama ha perso la partita

Di Salvo Barbagallo   La “Questione Siria” sta cadendo non solo nell’indifferenza della gente, ma sta finendo con il provocare irritazione. E’ l’equivalente del “Caso Berlusconi”, se ne parla da tanto, ma i “tira e molla” tra le parti opposte stanno rasentando il ridicolo. Due vicende di gravità estrema, una di carattere mondiale, l’altra nazionale, entrambe che sembrano non trovare una via d’uscita “accettabile”: per la prima vicenda, quella della Siria, c’è a rischio la pace su questa Terra; per la seconda vicenda, quella di Berlusconi, il crollo definitivo di…

Leggi tutto

Italia, finale di partita: dal “Bunga-bunga” al PD

Italia, finale di partita. Cosa dicono gli Italiani che si sono lamentati del “bunga-bunga” dello spettacolo (indecoroso o altro?) che hanno offerto al mondo intero coloro che si sono proposti (in ogni occasione elettorale) come “guida” indiscussa(e non da discutere) del Paese? Bersani, che tanto ha deprecato il “suo” avversario Berlusconi, che giudizio dà “ora” dei “suoi” contestatori all’interno del “suo” partito? Non c’è morale per questa squallida storia dell’elezione del Presidente della Repubblica, non ne esce bene, purtroppo, neanche Napolitano che, fino all’ultimo, sta cercando di salvare capre e…

Leggi tutto

Sconfitto nella prima ora, Bersani vince alla grande

Probabilmente siamo in errore, e pur tuttavia, almeno in questo momento, crediamo che il cerchio si stia per chiudere. Due nomi di tutto rispetto alla Presidenza della Camera e alla Presidenza  del Senato: Laura Boldrini (Sel)  e  Pietro Grasso (PD). Laura Boldrini (51 anni), già funzionario e portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, è stata eletta con  327  voti, 17 in più del quorum necessario di 310 voti, 13 in meno sui 340 del centrosinistra Pietro Grasso (1 gennaio 1945),  ex Procuratore nazionale antimafia, ha battuto Schifani…

Leggi tutto

Elezioni. Buongiorno Italia: di cosa dobbiamo parlare?

Buon giorno Italia: che cosa ci diciamo? Di cosa parliamo? Delle amarezze di Napolitano per il risultato elettorale che non ha corrisposto alle sue aspettative? O parliamo della (inconfessata) delusione di Bersani che dava per definitivamente spacciato l’eterno nemico Berlusconi? O parliamo dell’arroganza di Monti che sostiene che “ora noi contiamo di più”? O parliamo delle fantascientifiche speranze di Ingroia di potere influire sull’animo dei suoi connazionali? O parliamo di Fini, Di Pietro, Casini e tanti altri che hanno alzato la voce per autodichiararsi punto di riferimento senza accorgersi di…

Leggi tutto

Elezioni: la Sicilia determinante come le condizioni meteo

E adesso gli esperti in analisi sostengono che la situazione meteo di domenica e lunedì, unitamente agli indecisi, potrà condizionare l’esito delle elezioni. Eh sì!, per domenica e lunedì, infatti, le previsioni meteo indicano che l’Italia sarà divisa in due con il Nord ancora stretto nella morsa del gelo, con nevicate anche a quote basse e forti precipitazioni, mentre al Sud il tempo si manterrà incerto. Gli analisti sostengono che una minore affluenza alle urne danneggerebbe principalmente, e nella stessa misura, sia  il Pd che il Pdl, mentre secondo il…

Leggi tutto

Elezioni: dall’indifferenza un voto di protesta o di conservazione

Elezioni nazionali: mentre è iniziato il countdown, il conto alla rovescia, solo pochi giorni e poi si vota, ecco rispuntare volti che credevamo scomparsi nell’oblio. È vero, a volte ritornano, forse ritenendo che tutti si ricordano di loro, o forse sperando – vista la drammatica situazione – che possano riconquistare una poltrona di prestigio. È il caso del prof. Romano Prodi, apparso, sicuramente “non” inaspettato, sul palco allestito in piazza Duomo a Milano per la manifestazione del cosiddetto centrosinistra, accanto a Pier Luigi Bersani. “Dopo 4 anni sono di nuovo…

Leggi tutto

Le prossime elezioni? Sceneggiate da avanspettacolo di periferia

Le verità che non si dicono, i “misteri” che non si vogliono svelare, riguardano principalmente i Palazzi del Potere e coloro che li abitano, in residenza fissa o precaria, poca importanza ha. Verità e misteri nascosti costellano la vita quotidiana dei cittadini “normali”, i cui problemi oggi come oggi sono quasi esclusivamente di natura esistenziale, di lotta costante e continua per sopravvivere, e pertanto senza alcuna voglia di perdere tempo per cercare di capire cosa accade veramente nel mondo, nel proprio Paese, nel proprio territorio. Lo stato attuale delle cose…

Leggi tutto