Matteo Renzi: il potere in progressione

Di Salvo Barbagallo   Il  premier Matteo Renzi non è un novello Machiavelli, né l’ombra di Giulio Andreotti, né l’ancor più lontano Dux che finì appeso al pilone di una pompa di benzina: è semplicemente un ex boy scout (senza offesa, ovviamente, per i boy scouts). Questo “ex” boy scout è riuscito a mettere in ginocchio i leaders storici del suo partito, il PD; riesce a “gestire” un Parlamento; riesce a imporre ciò che (lui) ritiene utile.

Leggi tutto

Complotti “made in USA”

Di Valter Vecellio Giulio Andreotti, impegnato su un doppio fronte – a Palermo si doveva difendere dall’accusa di essere colluso con la mafia, a Perugia di essere tra i mandanti del delitto del giornalista Mino Pecorelli – un certo giorno se ne uscì sostenendo che il “colpo” veniva da oltre Oceano. Dagli Stati Uniti, insomma. Da chi gestiva Tommaso Buscetta; o, come allora qualcuno insinuò, da chi aveva voluto inibirgli il Quirinale? Poi qualcosa si deve essere aggiustato, perché Andreotti di oltreoceano non parlò più, sostenendo di aver appurato che…

Leggi tutto

È morto Giulio Andreotti

Giulio Andreotti, si è spento intorno a mezzogiorno nella sua casa a Roma. La notizia è stata diffusa pochi minuti fa dall’agenzia di stampa Agi. Aveva 94 anni. Romano, nato il 19 gennaio 1919,  è stato un politico, scrittore e giornalista italiano. È stato uno dei principali esponenti della Democrazia Cristiana, protagonista della vita politica italiana per tutta la seconda metà del XX secolo. È stato il 16º, 19º e 28º Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana. è stato senatore a vita, ha ricoperto più volte numerosi incarichi di governo: sette volte Presidente del Consiglio (tra cui il governo di “solidarietà…

Leggi tutto

Trattativa Stato-mafia senza stagione: dalla strage di Ciaculli a oggi

Siamo alle solite. Indagati e rinviati a giudizio 12 personaggi per ottenere certezze sulla trattativa tra stato e mafia ai tempi delle bombe targate “cosa nostra” nell’estate del ’93. Sono trascorsi diciannove anni e siamo solo al rinvio a giudizio. Prima che il processo sarà concluso è d’obbligo aspettarsi di tutto: ridda di fughe di notizie, smentite, mezze verità, dichiarazioni in tv e quant’altro possa servire a creare confusione nell’opinione pubblica. Questo copione noi lo abbiamo già imparato a memoria. Ma chi conduce il gioco confida nella scarsa memoria dei…

Leggi tutto

Caro prof. Monti, la mia vita non è mai monotona. Solo che non la consiglio a nessuno…

Non vedo la televisione, caro prof. Monti, e la sua partecipazione a Matrix mi sarebbe completamente sfuggita. Forse però il suo sentirsi in un ambiente poco ostile, a casa di chi le ha spianato la strada per avere in mano (conto terzi) il Governo Italiano, le ha lasciato la libertà di esprimersi come meglio lei credeva, la libertà (sacrosanto diritto di tutti) di dire il suo pensiero. La rete, pericolosissimo strumento dedito allo sputtanamento di ogni porcata, da però ampi resoconti del suo pensiero. E del suo vissuto. Voglio iniziare citando…

Leggi tutto