Uso dei migranti come arma impropria nel libro inchiesta “Il gioco sporco” di Valerio Nicolosi

“Devi ‘stare dove bisogna stare’. Così mi ha detto un’amica, poche ore dopo aver perso suo padre, mentre lei era in mezzo al mare a salvare le vite delle persone migranti. ‘Dove bisogna stare’, perché c’è sempre un luogo dove una crisi umanitaria si sta consumando, dove le violazioni dei diritti umani sono costanti. La mia amica si chiama Cecilia Strada, suo padre si chiamava Gino e ci ha mostrato l’importanza di ‘stare dove bisogna stare'”. Valerio Nicolosi, giornalista, regista e reporter, dove stare, l’ha deciso da tempo.

E’ stato il primo ad arrivare in Ucraina per descriverne la tragedia, atterrando a Kiev un giorno prima dell’attacco russo che ha aperto la guerra. Da lì ha dato voce alla resistenza ucraina e ha raccontato l’esodo di donne e bambini verso la Polonia e l’Europa. Una rotta migratoria organizzata dalle autorità e sostenuta con generosità da cittadini e associazioni, ma che nasconde la stessa minaccia implicita delle rotte nei Balcani e nel Mediterraneo. E’ il ‘gioco sporco’ che l’autore di questo libro ha visto fin troppe volte, in troppe parti del mondo, messo in piedi da alcuni governi sulla vita di migranti in fuga da conflitti armati, persecuzioni, carestia e povertà.

Nato a Roma nell’84, Nicolosi è giornalista, regista e fotografo, si occupa di tematiche sociali, rotte migratorie e Medio Oriente. Ha diretto il docu-film “Ants, sulle rotte migratorie verso l’Europa” e altri a sfondo sociale. Collabora con Rai, Mediaset, Associated Press, Reuters, Ansa e con vari quotidiani nazionali e internazionali. Ha vinto premi come fotoreporter e regista; ha pubblicato (R)esistenze (Crowdbooks 2018) e “Mediterraneo” (con Caterina Bonvicini, Einaudi 2022) ed è autore di podcast per “Micromega” e Storytel.

Dalle coste dell’isola di Lesbo a Trieste, da Mariupol a Cracovia, dalla Turchia alla Libia, dai Balcani alla Sicilia, le vite di persone disperate – pronte a rischiare tutto pur di avere anche solo l’occasione di un futuro decente – vengono usate ogni giorno come mezzo di pressione geopolitica o di vero e proprio attacco ‘non convenzionale’. Così, chi scappa dall’inferno finisce per ritrovarsi in Paesi con situazioni politiche e sociali delicate, dove l’odio xenofobo esplode in vere e proprie battute di ‘caccia al migrante’. Attraverso le sue foto e il suo racconto sul campo, Nicolosi denuncia le violenze dei regimi autoritari e le ipocrisie di governi conniventi, ma soprattutto apre uno squarcio sui limiti dell’Occidente e sull’uso dei migranti come “arma impropria delle guerre”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.