Traffico droga su asse Messina-Catania all’ombra dei boss, 16 arresti

Un’organizzazione criminale dedita al traffico di sostanze stupefacenti e attiva tra la provincia di Catania e le località turistiche messinesi di Giardini Naxos e Taormina è stata smantellata dalla Guardia di finanza di Messina, che ha dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 16 indagati, accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Il provvedimento è stato emesso dal gip di Messina su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia. Il gruppo, che secondo l’accusa era contiguo al clan mafioso catanese dei Cintorino, poteva contare su solidi legami con fornitori di narcotico attivi nella provincia etnea e vicini a clan Laudani e Cappello.

“Era proprio il redditizio mercato dello stupefacente il collante che, a seguito dell’arresto dei capi storici dei clan Cintorino e Laudani, ha portato i rispettivi membri di seconda linea, attivi sul territorio messinese, a trovare forme di sinergica collaborazione, anche dando vita a taciti accordi per finanziare le casse delle rispettive organizzazioni criminali, superando anche storiche rivalità”, spiegano gli investigatori delle Fiamme Gialle.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.