New York festeggia Leonardo Sciascia dal 20 al 23 settembre

Tre iniziative per ricordare lo scrittore a cent’anni dalla nascita

New York ospiterà da martedì 20 a venerdì 23 settembre tre iniziative di rilievo per ricordare Leonardo Sciascia (1921-1989) a cent’anni dalla nascita. Gli eventi sono ideati e promossi dal Comitato Nazionale del Centenario Sciasciano (uno dei dodici comitati nazionali approvati dal Ministero della Cultura e presieduto da Emma Bonino), dall’Istituto Italiano di Cultura di New York diretto da Fabio Finotti, dall’Associazione degli Amici di Leonardo Sciascia e dalla rivista internazionale di studi sciasciani Todomodo.

La manifestazione inaugurale è incentrata sulla presentazione della monografia più completa e aggiornata in lingua inglese sullo scrittore italiano, opera di uno dei maggiori studiosi di Sciascia, lo scozzese Joseph Farrell. Il volume “Leonardo Sciascia: The Man and the Writer”, è pubblicato dalla storica casa editrice italiana Leo S. Olschki (Firenze 2022) e ha un’introduzione del regista Giuseppe Tornatore, che di Sciascia fu amico. La presentazione è in calendario martedì 20 settembre, alle ore 17.30, alla celebre Libreria Rizzoli di New York (1133 Broadway). Dopo l’intervento di apertura del direttore dell’IIC di New York, Fabio Finotti, il programma prevede una conversazione tra l’autore del libro e due studiosi, Gaetana Marrone-Puglia (Princeton University), e Valerio Cappozzo (University of Mississippi). Il calendario delle presentazioni del volume – dopo l’anteprima del 25 agosto scorso a Edimburgo – annovera due altri appuntamenti in prestigiosi atenei statunitensi: Yale University (13 settembre) e Princeton University (19 settembre).

La seconda iniziativa in programma della settimana sciasciana in America riguarda la ventottesima cartella di grafica d’arte fuori commercio della collana Omaggio a Sciascia, curata da Francesco Izzo per gli Amici di Leonardo Sciascia. Per l’occasione del centenario la cartella, in edizione bilingue, ospita il primo testo in inglese di Sciascia pubblicato nel 1952 a Chicago (e recentemente ritrovato nel corso di una ricerca di archivio), accompagnato dalla litografia in edizione numerata Portrait in black, tratta da un ritratto originale dello scrittore eseguito nel 1979 da David Levine, uno dei maggiori caricaturisti americani del ventesimo secolo. Mercoledì 21 settembre, alle ore 18.00, la cartella sarà presentata al Center for Italian Modern Art (Cima, 421 Broome St., 4th floor), presieduto da Laura Mattioli. Il programma della serata, introdotta dal direttore del Cima, Nicola Lucchi, prevede interventi di Francesco Izzo, Teresa Fiore, Valerio Cappozzo e David Leopold. A latere dell’iniziativa saranno in mostra, a cura dei David Levine Archives, una dozzina di disegni originali di David Levine trascelti dalla sua straordinaria produzione di ritratti di scrittori e altri personaggi della cultura italiana e americana legati all’universo di Sciascia.

Il culmine delle celebrazioni americane è previsto per il 22 e 23 settembre all’Istituto Italiano di Cultura di New York (686 Park Avenue) con il convegno del XIII Leonardo Sciascia Colloquium, diretto da Valerio Cappozzo, italianista e presidente degli Amici di Leonardo Sciascia. Durante le due giornate di studio si approfondiranno la ricezione dello scrittore in Nord America, le sue passioni letterarie e cinematografiche per gli autori americani, la sua visione di un continente vagheggiato e rifiutato. Nella società americana gli scritti di Sciascia hanno aperto le porte a una comprensione maggiore della società siciliana e italiana, e del fenomeno mafioso. Verrà inoltre passato in rassegna l’impatto del pensiero sciasciano sugli intellettuali americani. Introdotto dai saluti dell’Ambasciatrice d’Italia negli Stati Uniti, Mariangela Zappia, del sottosegretario Maeco, Benedetto Della Vedova, della presidente del Comitato Nazionale del Centenario Sciasciano, senatrice Emma Bonino, moderati dal direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di New York, Fabio Finotti, il Colloquium si articolerà in sette sessioni, tavole rotonde, un’intervista inedita di Rita Cirio a Leonardo Sciascia e Federico Fellini, video clip e confronti sulla relazione peculiare e appassionata di Sciascia con la letteratura americana. Tra gli studiosi presenti, Valerio Cappozzo, Francesca Maria Corrao, Joseph Farrell, Ann Goldstein, Amara Lakhous, James Marcus, Gaetana Marrone-Puglia, Antonio Monda, Domenico Scarpa, Valter Vecellio. (Adnkronos)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.