A Torretta si inaugura la mostra “L’Inferno raccontato da Dorè”

Nell’ambito della manifestazione “Le Notti di BCsicilia” sarà inaugurata domani venerdì 5 agosto 2022 alle ore 18,00 la mostra “L’Inferno raccontato da Dorè”. Riproduzione dei dipinti del celebre incisore francese che illustra la prima cantica della Divina Commedia di Dante Alighieri. La presentazione sarà a cura di Raffaele Di Maggio, Presidente BCsicilia Sede di Torretta, Alfonso Lo Cascio, Presidente  regionale BCsicilia, don Giuseppe Gradino, Parroco di Torretta e Mimma Prestigiacomo, Assessore comunale di Torretta. La mostra, che resterà aperta fino al 14 agosto 2022 (ore 18,30 – 20), è ospitata presso la Chiesa SS. Sacramento in Via Prodi Di Benedetto, 8 a Torretta. Lat. = 38.1309  Long. = 13.2334.

Paul Gustave Louis Christophe Doré (Strasburgo, 6 gennaio 1832 – Parigi, 23 gennaio 1883), è stato un incisore e pittore francese. Il suo genio creativo si espresse in molteplici settori: dall’incisione all’illustrazione, fino alla pittura e alla scultura, Doré dimostra di sapersi muovere con disinvoltura in contesti e generi artistici differenti. Tuttavia la sua fortuna si compie in veste di illustratore delle più grandi opere della letteratura. L’artista francese è generalmente noto soprattutto per le sue tavole della Divina Commedia di Dante. Quando nel 1861pubblicò a sue spese il primo volume (in quanto gli editori si rifiutarono perché ritenuto troppo costoso) dell’opera di Dante, riscuotendo uno straordinario successo, il pubblico accolse la sorprendente congruenza delle incisioni sul testo. Un critico affermerò che: “L’autore è schiacciato dal designer. Più che Dante illustrato da Doré, è Doré illustrato da Dante”. Il percorso che Doré segue nell’illustrazione della Divina Commedia è teso a dare concretezza ad un immaginario emotivo che si snoda lungo le tre cantiche, ma che eccelle nelle atmosfere tormentate dell’Inferno.
Altre opere che Dorè ha illustrato e gli garantirono il ricordo dei posteri furono soprattutto la Sacra Bibbia e Don Chisciotte. Le sue incisioni rispecchiano un gusto romantico, accostato a una visione epica e drammatica.

Nell’immagine, illustrazione dell’Inferno di Gustave Dorè.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.