Vincenzo Pletto, pittore incantatore della luce del mare

Dipinto di Vincenzo Pletto “Pescatori a Capo Sant’Alessio”

olio su tela 50 X 60 cm.

Di Giuseppe Firrincieli

Il nostro viaggio nella Sicilia dell’arte visiva continua ed, oggi, ci soffermiamo a Favara, nel Val di Mazara, vicino a Girgenti. Abbiamo il piacere di ammirare un dipinto che ci pone un angolo di paesaggio, dove la bonaccia del mare e il profondo azzurro del cielo rendono meno pensierosi, quei pescatori, pronti a partire e lasciare, quell’angolo incantato di battigia ai piedi di costoni rocciosi.

Sogno o son desto? Ma con questa opera, sì….!!!, l’autore Vincenzo è entrato nel filone dell’arte del “Trompe-l’oeil” della grande Elena Panizza, un’ artista che ha dato vita ad una carica di luce, pronta a erogare il fascino della “tridimensionalità” nell’arte visiva. Una magica visione di uno scorcio marino e  i pregi cromatici ci stanno tutti, tanto che, al cospetto del dipinto, pensieri antichi saltano in mente: L’autore parte da Favara e si reca con una tela, pennelli e colori, sul versante est dell’Isola per dipingere un quadro? E non è la prima volta … Ma allora è vero! Le ninfe del mare, le figlie di Nereo e di Doride, come Galatea e Teti, e Scilla  splendida ninfa, figlia di Forco e Crataide, sono state le muse ispiratici di Vincenzo, nel volerlo ispirare ad una raffigurazione pittorica di un luogo d’incanto, assai mitico, ma quel che conta, prettamente siculo. L’affascinante vena pittorica “En Plein Air” che sprigiona impulsi “Naïf” rappresenta la completezza della vena d’arte, espressa nel Dipinto:  Una marina davvero eccellente.

Vincenzo Pletto è un pittore siciliano, contemporaneo; nato nella città di Empedocle, cl ’55, ma risiede a Favara.

Del suo amore per l’arte visiva, ci racconta: “ Ho apprezzato l’arte in genere e la pittura, in particolare sin da giovane; incoraggiato dagli inizi degli studi superiori nelle esercitazioni di immagini paesaggistici con la tecnica della matita su foglio ruvido, mi sono prodigato e non poco ad affinare “l’occhio” e la mano, verso la conquista della tecnica dei pennelli su tela. Affascinato dai pittori impressionisti, tento di sperimentare la tecnica ad olio su tela realizzando paesaggi marini della mia Sicilia, riproducendo luoghi e scorci tipici del mio paese e dar vita a creazioni che vogliono essere specchio della realtà circostante, fissando nella tela ogni sfumatura e dettagli”.

L’artista, per il profondo amore per la sua Terra, ha girato in lungo e in largo le coste siciliane, ma anche l’Entroterra, riuscendo ad estrarre l’essenza di molti ameni luoghi per trasferirla sulle sue tele. Ed ecco che la sua passione artistica richiama gli albori del “Vedutismo” del Grande Francesco Lojacono, famoso pittore palermitano dell’ottocento, figlio d’arte, che fu padre del “Paesaggio in arte siciliano”, guadagnandosi persino il soprannome di “Ladro del Sole” per aver dato grande luminosità alle sue opere; con Michele Catti, suo allievo, e Antonino Leto diedero vita alla triade della vena pittorica del paesaggio siciliano.

Per la storia, Jean-Pierre Houël, venuto in Sicilia, col suo pennello fotografico ha mitizzato luoghi, natura e frutti delle coltivazioni agresti e disse: “la Sicilia è una grande Terra e merita un grande popolo”.

Vincenzo Pletto, testimone d’arte contemporaneo della bellezza paesaggistica siciliana, richiama una pagina di una mia opera in lingua siciliana, che mette in evidenza il gravissimo pericolo dell’Inquinamento e grida “Non distruggiamo la nostra Terra”.

(Terra Matri)

Di Giuseppe Dei Firrincieli

(Terra Matri)

Vuàtri unni eruvu?

Quannu l’acqua do me mari addivintàu acitùsa,

i mei vaddùna, ’ncessu, li me muntagni, iazzu di fumèri…

… E li me acqui?

U beni cchiù priziusu intra di mia,

apprima  erunu  splinnenti e ’mmaculati,

ora sunu ’nfangati e senza vita!…

…Furasteri vanu e venunu a fari dannu,

cu la vostra cunnivenza do:

Non sentu, non viru e non parru!

C’à statu mittennu tutta

pì fàrimi turnàri arrèri,

arrèri di milli e milli seculi apprima…

…o puntu di fari vèniri ddù jornu,

quannu tutti li me figghi

 stàvunu ‘nte caverni, o scuru fittu …

… E tutti l’animali,  tràsunu ne vostri casi e

addìventunu,  puru, i patruna de città abbannùnati, … silinziusi e vacanti.

(Figghiu e Figghia)

Terra matri, semu ccà, p’ addumannàriti pirdùnu.

Nuatri tutti, che nostri lacrimi, iemu a ‘nnafiari li to prati…

…Dacci ’nautra scianza pì ’na vita nova.

T’aggiuramu di canciari, supra l’unuri de nostri patri !!!

 (Terra Matri)

Macari iu aju ’n patri, ca, mi criàu,

tantu ca scigghìu u postu cchiù beddu do munnu,

e mi desi pirsino a vita…

… A troppu biddizza, mi fici puru mali,

tantu ca, navicanti, furasteri, ciddianti, e sbannuti, ancora  vènunu e

nun màncanu mai!

(Figghiu)

Petru Fudduni ti purtàu a li stiddi, co lu  sò cantu.

E i so versi sunu i cchiù beddi pì la so ducìzza:

“’Ngnòrnu ca lu Diu Patri era cuntentu

e  passiava ’ncelu cu li santi,

a lu munnu pinsau di fari un prisenti,

e di la cruna si scippau un diamanti;

ci addutàu tutti li sette elementi,

lu pusau a mari, ‘nfacci a lu livanti;

lu chiamaru Sicilia li genti,

ma di l’Eternu Patri è lu diamanti!”…

… E iù? … Jiunciu ancora …

ca si terra d’amuri e di amanti!

(Terra Matri)

L’Eternu Patri, ppì amuri e ppì primura

 di dàrimi ’a vita, nun persi tempu

a scippare ’na spurgènza marina,

o cuntinenti niuru

pì ’ncuddàlla cu n’autru pezzu,

a ’sta vota, squartatu do ciancu di n’autra isula,

ca stapi cchiù supra do me capizzu…

… Nun cuntentu, pigghiau nautru pizzu

di munti, no continenti di supra,

e mi fici ttri ccianchi,

u casu vosi,

ca a spartenza, do scogghiu di l’Africa,

fu assai viulenta, ca fici dannu…

… scatinannu, ’na lonca e  prufùnna firìta di ’ntagghiu,

tantu, ca ’na pocu di munti di focu,

nichi e granni, si misunu ’ncamminu…

… Unu, grassu e grossu, panzutu e, 

ardenti di mussu, nun ci pinsàu du voti,

a pusàrisi a lu me ciancu.

A cuntintizza di li genti fu tanta, 

ca u chiamanu Mungibeddu, e iddu?…

… Cu lu so trèmulu,  i  fa felici

e, quannu,  addiventa viulentu,

li fa, macari,  pisciari di ’ncoddu,

speci, quannu scatìna trimoti,

rutta focu, cinniri fitta e sciara ‘nfucata…

… Quannu si misi ’ncamminu,

nù sdirrubbu granni e prufunnu, rapìu,

tantu ca fici dannu assai…

’nu me peri di roccia forti, sciddìcau a mari,        

tantu,  da lassàrimi sciancata, propiu unni ci sunu i grossi scogghi da Trizza.

E  mi cririti, stavota?

… Nunn’ è propriu a fantasia di Cola Pisci!

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.