Perquisizioni Gdf a Milano in società Beppe Grillo e Casaleggio associati

La Guardia di finanza di Milano sta eseguendo una serie di perquisizioni nella società di Beppe Grillo e nella sede della Casaleggio Associati nell’ambito della inchiesta che vede lo stesso Grillo e l’armatore Vincenzo Onorato indagati per traffico di influenze illecite per alcuni contratti pubblicitari sottoscritti dalla compagnia Moby con il blog Beppegrillo.it.

——————-

Beppe Grillo, fondatore del Movimento Cinque Stelle, è indagato dalla Procura di Milano per traffico di influenze illecite per una serie di contratti pubblicitari sottoscritti nel 2018-2019 dalla compagnia marittima Moby dell’armatore Vincenzo Onorato. Anche l’armatore è indagato per lo stesso reato.

PERQUISIZIONI – Sono in corso perquisizioni e sequestri di documenti da parte della Guardia di finanza di Milano. L’attività delle Fiamme Gialle si sta concentrando sulle società riconducibili al fondatore M5S. Anche gli uffici dell’armatore vengono sottoposti a perquisizione da parte della Guardia di finanza.

L’accordo della compagnia di navigazione, attualmente in concordato preventivo, con la Beppegrillo.it nel 2018-2019 prevedeva un compenso di 120mila euro l’anno, per due anni, per uno spot al mese e l’inserimento di messaggi pubblicitari, contenuti redazionali e interviste a favore della Moby da pubblicare sul sito e sui social. Secondo una relazione tecnica redatta dalla stessa Moby, si sottolinea come per il contratto – efficace dall’1 marzo 2018 all’1 marzo 2020 – “veniva versato l’importo complessivo di 200mila euro”.

Nella stessa relazione si parla anche di un contributo alla Casaleggio Associati e c’è l’elenco dei finanziamenti quali 100mila euro a Change, 80mila al Pd, 10mila a Fratelli d’Italia. Non risultano altri politici indagati nell’inchiesta coordinata dall’aggiunto Maurizio Romanelli.

LA NOTA DELLA PROCURA – L’armatore Vincenzo Onorato “ha richiesto a Beppe Grillo una serie di interventi in favore di Moby spa che Grillo ha veicolato a esponenti politici trasferendo quindi al privato richiedente le relative risposte” emerge nella nota diffusa dal procuratore facente funzioni di Milano Riccardo Targetti. (AdnKronos)

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.