Comune Palermo sfratta Istituto Gramsci

“Abbiamo appreso con grande disappunto che l’Istituto Gramsci ha ricevuto dal Comune di Palermo una lettera con cui gli si chiede di indicare entro il prossimo 30 settembre una data per lo sgombero dei locali che occupa presso i Cantieri culturali alla Zisa. Si tratta della conclusione assolutamente non condivisibile della lunga vertenza che ha visto contrapposti questa importante istituzione culturale e il Comune di Palermo sulla questione dell’affitto dei locali. Palermo non può essere la città dell’accoglienza e poi respingere, addirittura sfrattare, l’Istituto Gramsci, una delle strutture culturali più prestigiose della città”. Così il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo e il responsabile dipartimento Memoria e legalità Dino Paternostro. 

Il sindaco avanza una proposta per trovare una soluzione alla questione. “Riteniamo che una soluzione debba trovarsi per evitare questa vergogna dello sfratto che additerebbe Palermo come la città del respingimento della cultura – spiegano – Ragionevolmente, la Cgil ritiene che una compensazione, transattiva anche per gli anni passati, tra il servizio culturale aperto alla città e a tutti i cittadini, che l’istituto Gramsci rende gratuitamente, e l’ammontare dell’affitto al Comune potrebbe benissimo essere la soluzione. Facciamo appello, quindi, al sindaco. In ogni caso, questa organizzazione sindacale si dichiara fin d’adesso disponibile a partecipare ad una raccolta fondi che concorra alla conclusione positiva della vicenda”.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.