Carles Puigdemont in libertà, senza misure cautelari

Nessuna misura cautelare per l’ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont: lo ha deciso la giudice della Corte d’Appello di Sassari, Plinia Azzena che, comunque, ritiene l’arresto non illegale: Plinia Azzena, ha accolto la richiesta del procuratore Gabriele Pintus ed ha deciso di non applicare alcuna misura cautelare nei confronti di Puigdemont.

Puigdemont è stato arrestato ieri sera al suo arrivo all’aeroporto di Alghero sulla base di un mandato di arresto europeo delle autorità spagnole .

“Carles Puigdemont in libertà, senza misure cautelari, mentre aspetta come si risolve il mandato di arresto europeo”. Ne ha dato notizia via social l’ex eurodeputato catalano Ramon Tremosa, che oggi siede nel ‘Parlament’ della Catalogna.

Il legale di Carles Puigdemont si dice fiducioso che l’ex capo del governo catalano venga rilasciato dalle autorità italiane e “possa tornare a Bruxelles in tempi ragionevoli”. “Ho potuto parlare con lui varie volte dopo il suo arresto, è molto tranquillo”, afferma l’avvocato Gonzalo Boye, intervistato da El Pais.

“Tutti sapevamo” che il mandato d’arresto europeo “poteva saltar fuori in qualsiasi momento”, ha detto l’avvocato, spiegando che per questo motivo era stato chiesto il suo ritiro. Ma la Spagna e il parlamento europeo, dove Puigdemont è deputato, avevano detto che il mandato “non era eseguibile”. “Questo ha portato il tribunale generale dell’Unione Europa a respingere la misura cautelare da noi richiesta, perché si considerava con la risposta delle autorità spagnole che il mandato fosse stato sospeso. Non siamo stati noi a dire che era sospeso, lo ha detto la Spagna”, ha puntualizzato Boye, che difende Puigdemont fin dalla sua fuga all’estero nell’ottobre 2017.

Boye ha riferito che spiegherà la situazione al giudice italiano e chiederà la scarcerazione di Puigdemont, “sperando possa tornare a Bruxelles in termini ragionevoli”. In secondo luogo chiederà alla giustizia europea la sospensione del mandato di cattura europeo. “Quanto è accaduto ieri ha dimostrato che avevamo ragione di chiedere come provvedimento cautelare la sospensione del mandato europeo e che la Spagna ha mentito quando ha detto che il mandato non era eseguibile”, ha rimarcato. L’avvocato si dice convinto che la posizione di Puigdemont, nel frattempo diventato eurodeputato, sia ancora più inattaccabile rispetto a quando fu arrestato in Germania, senza poi essere estradato in Spagna.

Il legale ha riferito che la polizia italiana stava aspettando Puigdemont e lo ha arrestato al suo arrivo in Sardegna da Bruxelles, sulla base del mandato di cattura europeo per sedizione e malversazione, emesso il 14 ottobre 2019 dal giudice del Tribunale supremo spagnolo Pablo Larena. “Le informazioni che ho ricevuto sono che erano presenti due poliziotti spagnoli, anche se il governo nega. Non so a cosa attenermi. A me dicono una cosa e il governo spagnolo ne dice un’altra”, ha commentato.

“Il presidente Puigdemont è libero senza misure cautelari!”. Così su Twitter la presidente del parlamento catalano, Laura Borras, ha celebrato la scarcerazione di Carles Puigdemont, decisa dal tribunale di Sassari. Puigdemont non potrà comunque lasciare per il momento la Sardegna, in attesa di chiarire la questione del mandato di cattura europeo.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.