Orestiadi: giovedì “Paradise Now#Gibellina”

Progetto inedito in tre tappe nel 700° anniversario della morte di Dante Alighieri

Giovedì 5 agosto al Cretto di Burri andrà in scena il primo atto di LABORATORIO DANTE – LA NUOVA COMMEDIA, un progetto inedito composto da tre performance installate nel Cretto di Burri,  nel 700° anniversario della morte di Dante Alighieri, realizzato grazie al sostegno dell’Assessorato ai Beni Culturali e dell’identità siciliana della Regione Sicilia e la Soprintendenza di Trapani. “PARADISE NOW#GIBELLINA – ATTO DI CONTEMPLAZIONE – Territori del gesto 2021” del danzatore e coreografo Virgilio Sieni (regia e coreografia) aprirà questo inedito e originale omaggio a Dante Alighieri, autore che ha influenzato e continua ad influenzare la letteratura, l’arte e la poesia ancora oggi. Il progetto ispirato all’opera di Dante proseguirà venerdì 6 agosto con “La Vita Nuova”, la prima opera di attribuzione certa di Dante Alighieri, che Sergio Rubini rilegge, racconta, reinterpreta;e sabato 7 agosto con Vinicio Capossela e la sua “Bestiale Comedìa”, un viaggio tra parola e musica nell’opera dantesca (evento SOLD OUT).

Nel pensare al suo spettacolo, a come costruirlo, come legarlo al ricordo di Dante, Virgilio Sieni parte dalla contemplazione del Cretto, un luogo che invita ad un atto di meditazione sulla vita, ma anche su come è possibile tessere un legame con la storia: “qui ogni gesto e suono, ogni abbozzo drammaturgico deve fare i conti con l’inappropriabilità del luogo e degli eventi – spiega Sieni – Una forte commozione ci guida a cantare col gesto la memoria che lega la tragedia alla sospensione, Gibellina al Paradiso. Il Paradiso dantesco ci lascia intravedere gli spostamenti necessari all’uomo per sopravvivere attraverso la pratica dell’amore e dell’amicizia. Così Dante individua nell’andare verso l’altro il gesto della sopravvivenza.”

Paradise now è un progetto che non si ripete di luogo in luogo, ma propone un modo di abitare e far coesistere esperienze diverse tra loro: i cittadini, i danzatori, i musicisti. Il Cretto di Burri accoglierà e guiderà la coreografia pensata per un quintetto di danzatori e una comunità di cittadini che si alterneranno in un dialogo di gesti meditati e respirati: un suolo tracciato da passi intesi come piantumazioni di un giardino immaginario. “La coreografia è costruita per endecasillabi di movimenti dove i versi della danza ritrovano il risuonare della rima da una terzina all’altra – prosegue -. Questo continuo manipolare, accarezzare e pressare lo spazio invisibile intorno ai corpi edifica un continuum di terzine sillabiche del gesto: una maniera umile per porsi nei confronti della loro magnificenza geometrica, matematica e cosmica. I danzatori e i cittadini creano un gioco di vicinanze e di prossimità, stabilendo una nuova forma di contatto, dove il tocco non tange la pelle ma lo spazio auratico dei corpi.

Nella foto, Virgilio Sieni

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.