Nuovi investitori per l’aeroporto del Niceto

Costerà circo 300 milioni di euro e registrerà un traffico stimato di un milione e quattrocentomila passeggeri l’anno, l’aeroporto della Valle del Niceto, sul cui progetto convergono le volontà dei Comuni di San Pier Niceto, Pace del Mela e San Giorgio Monforte, che hanno già firmato le delibere di cessione dei siti.

“A conclusione  di un lavoro di anni, abbiamo finalmente superato il primo step , quello di mettere d’accordo tutte le parti in causa- dichiara Lucia Pinsone, presidente di Vox Populi – Infatti alla disponibilità dei sindaci del comprensorio si aggiunge quella di Air Malta, che farà dell’aeroporto del Niceto lo scalo privilegiato in Sicilia e soprattutto  quella di due fondi statunitensi che ufficializzeranno dopo la firma dei protocolli di intesa istituendo un tavolo tecnico e proprio in queste ore stiamo ricevendo e valutando comunicazioni di interesse da parte di altri fondi privati.

Inoltre, Unicoop Sicilia, con il suo presidente, Felice Coppolino, ci ha reso noto che attraverso le proprie cooperative è interessata ad un intervento economico per la realizzazione dell’aeroporto.

Non è stato facile ma l’impegno di tutti hanno consentito di raggiungere questo primo risultato, a dispetto della noncuranza mostrata nei decenni scorsi dalle deputazioni messinesi che si sono succedute e che inspiegabilmente hanno ignorato le esigenze di una provincia tagliata fuori dal sistema dei trasporti siciliano”.

La scelta del territorio non è casuale o dettata da campanilismo – spiega Carmelo Di Bartola, l‘ingegnere estensore del progetto e anima del Coordinamento comitati territoriali per l’aeroporto nella provincia di  Messina – Il sito individuato si trova  quasi al centro della tratta autostradale compresa tra Tusa e Giardini Naxos e i suoi raggi di influenza  comprendono Cefalù e Taormina, rendendolo perfettamente funzionale alle esigenze dei circa 627 mila abitanti della provincia di Messina, ma anche dei siciliani e dei turisti che si trovano distanti dagli scali di Palermo e Catania”.

Intorno all’aeroporto nascerà una cittadella aeroportuale, dotata di tutte le infrastrutture necessarie  ad incentivare l’export della produzione siciliana dell’agricoltura, del florovivaismo, della pesca, dell’artigianato soprattutto verso i mercati asiatici, che costituiscono il 40% della popolazione mondiale.

“Nei prossimi giorni- dichiarano Pinsone e Di Bartola- chiederemo incontri urgenti al Presidente della Regione, al Ministro dei Trasporti, all’ENAC e a tutte le autorità competenti per presentare il lavoro svolto fin qui e chiedere che finalmente facciano la propria parte istituzionale nel rispetto di una così grande parte dei siciliani”.

Nella foto, particolare del progetto dell’aerostazione del Niceto

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.