Proteste a Cuba: cinquemila manifestanti in carcere

Sono più di cinquemila le persone arrestate a Cuba durante i tre giorni di proteste contro il governo, tra cui 120 attivisti e giornalisti. Lo rende noto un rapporto diffuso dal sito 14ymedio che cita fonti della società civile. Brutali i metodi usati dalle forze della sicurezza nei confronti dei manifestanti, come si vede anche dai filmati diffusi da Human Rights Watch. Almeno un morto, durante le proteste, secondo i media di stato. La contestazione è iniziata domenica, quando migliaia di cubani sono scesi per le strade per protestare contro la repressione del governo e i problemi economici del Paese.

Le persone che sono state arrestate per le manifestazioni antigovernative a Cuba “saranno giudicati secondo la legge e senza abusi”. Lo ha detto il presidente cubano, Miguel Díaz-Canel, assicurando di essere comunque pronto a “chiedere scusa a chiunque sia stato trattato ingiustamente in mezzo alla confusione”. Diaz Canel è tornato poi a difendere la risposta repressiva: “è legittimo che una parte importante del popolo e delle forze dell’ordine interno abbiano reagito questi fatti”, ha detto riferendosi alle proteste ed affermando che altrimenti la “violenza sarebbe continuata ed avrebbe prevalso”. Le autorità cubane hanno confermato la morte di una persona durante le proteste ma non hanno fornito un numero ufficiale degli arrestati. Secondo fonti citate dal sito dei dissidenti 14ymedio.com, sarebbero 5mila le persone arrestate o indagate.

Il governo di Cuba ha temporaneamente revocato i dazi sull’importazione di cibo, medicinali e altri beni essenziali in seguito alle manifestazioni di piazza che si stanno registrando nel Paese da domenica. Da lunedì e fino alla fine dell’anno, quindi, chi entra nel Paese potrà portare con sé merci senza limite. Il primo ministro Manuel Marrero Cruz ha spiegato che la revoca dei dazi “era una richiesta fatta da molti viaggiatori ed era necessario prendere questa decisione”. Il governo “valuterà le cose” dopo il 31 dicembre, ha aggiunto.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.