L’Etna non si stanca: fontane di lava e pioviggine di cenere

Attività stromboliana e fontana di lava nella mattinata di oggi 22 giugno 2021. La sintesi attraverso i comunicati emessi dall’INGV Osservatorio Etneo.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che dalle immagini delle telecamere di sorveglianza, a partire dalle ore 02:15 UTC si osserva la ripresa dell’attività stromboliana al cratere di Sud-Est. Dalle 02:00 UTC circa si è osservato un incremento dell’ampiezza media del tremore vulcanico i cui valori sono attualmente nel livello alto. Il centroide delle sorgenti del tremore vulcanico è localizzato nell’area del cratere di Sud-Est ad una quota di circa 2900-3000 m sul livello del mare. L’attività infrasonica si mantiene su livelli bassi.

Dalle ore 02:30 UTC circa, si osserva un repentino incremento dell’attività stromboliana con ricaduta dei prodotti sui versanti esterni del cratere di CSE. Inoltre la continua emissione di cenere prodotta dall’attività in corso, secondo il modello previsionale, si disperde in direzione NE. Prosegue il trend di incremento dell’ampiezza media del tremore vulcanico entro l’intervallo dei valori alti . Anche l’attività infrasonica si è intensificata sia nel tasso di accadimento che nell’energia degli eventi infrasonici. Le sorgenti del tremore vulcanico e degli eventi infrasonici sono localizzate al Cratere di Sud-Est.

A partire dalle 02:55 UTC, l’attività stromboliana al Cratere di Sud-Est è passata a fontana di lava. Inoltre è in atto un trabocco lavico in direzione Sud-Ovest. Sulla base del modello previsionale la nube eruttiva prodotta dall’attività in corso si disperde in direzione ENE. L’ampiezza media del tremore vulcanico e l’attività infrasonica hanno raggiunto valori elevati. Le sorgenti del tremore e degli eventi infrasonici sono localizzate al Cratere di Sud- Nella tarda mattinata l’attività esplosiva al Cratere di Sud-Est è cessata, il trabocco lavico che si espandeva in direzione Sud-Ovest appare ancora debolmente alimentato. L’ampiezza media del tremore vulcanico, dopo aver raggiunto il valore massimo alle ore 03:20 UTC, ha subito un rapido decremento fino a raggiungere il livello medio. La sorgente del tremore vulcanico rimane localizzata nell’area del Cratere di SE ad una elevazione di circa 2900 m s.l.m. Anche l’attività infrasonica ha subito un decremento sia nel numero di eventi che nella loro ampiezza. Le stazioni della rete clinometrica hanno registrato modeste variazioni. Non si osservano variazioni significative nei segnali acquisiti dalla rete GNSS.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.