Hotspot Lampedusa situazione esplosiva: rischio focolaio Covid

“Stanotte migranti hanno dormito all’esterno, zona circostante fogna a cielo aperto, pochi agenti”

“E’ stata l’ennesima notte di tensione nel centro di prima accoglienza di Lampedusa, dove la situazione proprio in queste ore sta tornando esplosiva. Un centro che può ospitare al massimo 200 persone, al momento ne contiene oltre 950 e sono attesi altri sbarchi nella giornata di oggi”. A dirlo è Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, che aggiunge: “Questa notte i migranti appena sbarcati hanno dovuto dormire all’esterno della struttura per mancanza di posti letto e la zona circostante è diventata una vera e propria fogna a cielo aperto”.

Per il leader sindacale è allarme sicurezza. “Gli assembramenti ormai sono costanti e le norme anti-contagio sono saltate tutte – denuncia -. Degli oltre 950 migranti presenti ora nell’hotspot, soltanto 500 hanno fatto il tampone. Il governo deve intervenire immediatamente inviando più agenti nel centro, dal momento che i pochi che ci sono adesso stanno lavorando senza sosta con turni massacranti anche di 12-14 ore al giorno. Anche perché è l’intera sicurezza pubblica e sanitaria del Paese a essere messa a rischio. Siamo solo all’inizio dell’estate è la situazione è già fuori controllo”, conclude.

Foto repertorio

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.