G20, ministro Bianchi: “Riportare scuola in presenza ma con grande attenzione”

di Francesco Bianco-AdnKonos

“Ci stiamo da tempo organizzando per riportare la scuola in presenza,ma con grande attenzione. Non dobbiamo dimenticare che la pandemia non è finita. E se c’è un posto in cui occorre cautela quello sono le scuole”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, durante la conferenza stampa che chiude la prima giornata del G20 a Catania. “Bisogna prendere le misure di sicurezza – ha aggiunto – e non solo dentro le scuole. C’è un problema di trasporti, soprattutto nelle scuole superiori”. “Il Cts – ha evidenziato il ministro- ci darà quali sono i vincoli da sopportare per questo. Abbiamo visto che il virus non conosce frontiere. Dobbiamo garantire sicurezza a scuola, fuori dalla scuola e organizzare la scuola sul territorio in modo maggiormente articolata, con strutture più presenti sul territorio”.

Dopo il Covid- ha sottolineato Bianchi- investire in istruzione, è lo strumento principale per uscire dalla crisi. Il Covid ha messo ulteriormente in evidenza la centralità scuola. La didattica a distanza non deve essere un modo per allontanare studenti e insegnanti, non deve essere un strumento per sostituire la didattica in presenza, ma per ampliarla”.

Per il ministro inoltre “bisogna ripensare a percorsi educativi legati anche al vivere e al condividere insieme esperienza e mettendo grande enfasi agli spazi educativi. Siamo tutti allineati su questo”. “Tutti i venti Paesi – ha annunciato Bianchi- sono concordi nell’esigenza di far girare molto di più le conoscenze. Questo ce lo ha insegnato la pandemia, solo con la condivisione si possono superare le crisi”. “Sulla didattica a distanza – ha proseguito ancora il ministro – siamo tutti concordi nel dover tornare sui banchi di scuola in presenza. La didattica a distanza strumento di allargare i rapporti e gli scambi di conoscenze.Non sostituisce ma allarga le potenzialità”.

(di Francesco Bianco-AdnKronos))

 

 

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.