Presidio imprenditori per Zone Franche Montane siciliane

Non arretra di un passo l’azione delle Terre alte di Sicilia sulla fiscalità di sviluppo, vista come “unica via per continuare a vivere nei territori minacciati dalla crisi economica e dallo spopolamento”. A manifestare sono adesso gli operatori economici che si raduneranno domenica prossima, a partire dalle 10, allo svincolo Irosa dell’autostrada A19. Nelle ultime iniziative promosse dall’associazione Zone franche montane di Sicilia, in prima fila erano stati i sindaci e gli amministratori dei 133 comuni rappresentati, prima a Roma, a Montecitorio, e poi a Palermo a Palazzo dei Normanni, sede del parlamento siciliano.

“Saranno simbolicamente presenti due operatori economici per i 133 Comuni coinvolti – fanno sapere dall’associazione Zone franche montane Sicilia -. La fiscalità di sviluppo, destinata alle Terre alte di Sicilia è una misura psicologica prima ancora che fiscale e previdenziale. E in gioco il futuro di tutti i paesaggi di montagna della Sicilia”. 

Le richieste del comitato, degli amministratori e degli operatori economici per questa nuova iniziativa sono rivolte alla deputazione di Camera e Senato eletta in Sicilia, affinché “faccia sentire la propria voce nei due rami del parlamento e al governo nazionale e si decida di approvare, nell’immediato, le disposizioni concernenti l’istituzione delle Zone franche montane in Sicilia”.

Nella foto, Motta Camastra

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.