Troppi decessi: verso nuova stretta per contrastare impennata contagi Covid

Al vaglio del governo Draghi e degli esperti del Cts diverse ipotesi: Zona rossa, lockdown, coprifuoco

100.103. Tanti sono i morti per coronavirus in Italia a poco più di un anno dall’inizio dell’emergenza Covid. Con le misure del nuovo Dpcm in vigore da pochi giorni, sui media trovano spazio le ipotesi di weekend in zona rossa, coprifuoco ‘rafforzato’ e un nuovo lockdown. Il triste traguardo a livello di dati, un primato europeo, è stato tagliato ieri con l’arrivo dell’ultimo bollettino con contagi e decessi nelle regioni: 13.902 i nuovi casi con un indice di positività al 7,5%, altre 318 le vittime in sole 24 ore. Tra le regioni, spiccano le cifre di Emilia Romagna (2.987 casi), Lombardia (2.301), Campania (1.644), Lazio (1.175).

Un quadro che preoccupa, ha spiegato il premier Mario Draghi, assicurando che il governo farà la sua parte: “Ci troviamo di fronte ad un nuovo peggioramento dell’emergenza sanitaria – ha infatti spiegato il premier -, ognuno deve fare la propria parte per contenere la diffusione del virus. Soprattutto il governo deve fare la sua e ogni giorno deve cercare di fare di più”. La pandemia, ha poi sottolineato “non è ancora sconfitta, ma con l’accelerazione del piano dei vaccini si intravede una via d’uscita non lontana”.

E proprio l’accelerazione del piano vaccinale anti Covid ieri è stata al centro di un incontro a Palazzo Chigi tra il commissario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo, il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli, i ministri Maria Stella Gelmini e Roberto Speranza. Sul tavolo, hanno spiegato fonti all’Adnkronos, non ci sarebbe stata l’ipotesi di nuove strette, ma solo il potenziamento della campagna sui vaccini. Il premier Mario Draghi ha quindi incontrato i ministri della Salute e per gli Affari regionali, il Commissario straordinario per l’emergenza, il capo della Protezione Civile e l’ad di Poste Del Fante per una riunione di aggiornamento sullo stato di implementazione del piano vaccini e degli interventi di carattere logistico, si apprende da fonti di palazzo Chigi. La cabina di regia con un rappresentante per ogni forza di maggioranza dovrebbe a questo punto tenersi oggi.Italia sempre più in zona rossa, con un’ulteriore stretta sulle misure che potrebbe andare da nuove chiusure nei weekend a un coprifuoco più esteso fino a un nuovo lockdown. Sono diverse le ipotesi che nelle prossime ore il Cts e il governo Draghi saranno chiamati a valutare per contrastare in maniera più efficace la nuova impennata di contagi di Coronavirus e la diffusione delle varianti, a cominciare da quella inglese. Di certo, si va verso regole più drastiche rispetto a quelle varate con il nuovo Dpcm del 6 marzo. “Sulla base dei dati mi aspetto che nelle prossime settimane l’impatto di questa variante (quella inglese, ndr) possa far crescere la curva, mi aspetto regioni che possono andare verso la zona rossa. Mi aspetto che le ordinanze possano essere ancora di natura restrittiva”, ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza. (AdnKronos)

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.