Crolla del 72% il trasporto aereo passeggeri

Il traffico passeggeri è sceso a gennaio 2021, sia rispetto ai livelli pre-Covid-19 (gennaio 2019) che rispetto al mese immediatamente precedente (dicembre 2020), secondo i dati dell’International Air Transport Association (Iata). Ed è che l’incertezza su quanto dureranno le restrizioni alla mobilità ha un grande impatto sui viaggi presenti e futuri. La domanda totale a gennaio 2021 (misurata in chilometri di entrate passeggeri, o Rpk) era in calo del 72% rispetto al gennaio 2019. Questa cifra supera il calo del 69,7% su base annua registrato nel dicembre 2020.

La domanda interna totale è scesa del 47,4% rispetto ai livelli pre-crisi (gennaio 2019). Era il 42,9% più basso a dicembre rispetto a un anno prima. Questo indebolimento è in gran parte dovuto all’inasprimento dei controlli sui viaggi interni in Cina durante il periodo delle vacanze del Nuovo Anno Lunare. Nel frattempo la domanda di passeggeri internazionali a gennaio è stata inferiore dell’85,6% rispetto a gennaio 2019, un ulteriore calo rispetto al calo dell’85,3% su base annua registrato a dicembre.

“Il 2021 è partito peggio del 2020 e questo dice molto. Anche se i programmi di vaccinazione accelerano, nuove varianti di Covid stanno portando i governi ad aumentare le restrizioni di viaggio. L’incertezza sulla durata di queste restrizioni ha anche un impatto sui viaggi futuri”, ha avvertito il direttore generale e Ceo della Iata Alexandre de Juniac. Ed è che le prenotazioni anticipate a febbraio di quest’anno per la stagione dei viaggi estivi dell’emisfero settentrionale sono state del 78% inferiori ai livelli di febbraio 2019.

Le compagnie aeree europee hanno visto il traffico diminuire dell’83,2% a gennaio rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, peggiorando da un calo dell’82,6% a dicembre rispetto allo stesso mese del 2019. La capacità è crollata del 73,6% e il fattore di occupazione è sceso di 29,2 punti percentuali al 51,4%. Il traffico di gennaio per le compagnie aeree nordamericane è sceso del 79% rispetto al 2019, un leggero miglioramento rispetto al calo del 79,5% di dicembre su base annua. La capacità è crollata del 60,5% e il fattore di occupazione è sceso di 37,8 punti percentuali al 42,9%.

Le compagnie aeree dell’America Latina, nel frattempo, hanno registrato un calo del 78,5% della domanda a gennaio rispetto allo stesso mese del 2019, peggiorato da un calo del 76,2% di dicembre su base annua. La capacità di gennaio è scesa del 67,9% rispetto a gennaio 2019 e il fattore di occupazione è sceso di 27,2 punti percentuali al 55,3%, il più alto tra le regioni per il quarto mese consecutivo.

Secondo i dati Iata, il traffico di gennaio per le compagnie aeree dell’Asia-Pacifico è crollato del 94,6% rispetto al periodo 2019, praticamente invariato rispetto al calo del 94,4% registrato nel dicembre 2020 rispetto all’anno precedente. La regione ha continuato a subire i più forti cali di traffico per il settimo mese consecutivo. La capacità è scesa dell’86,5% e il fattore di occupazione è crollato di 49,4 punti percentuali al 32,6%, il più basso tra le regioni.

Davanti a questi dati l’organizzazione del trasporto aereo mostra profonda preoccupazione. “Dire che il 2021 non ha avuto un buon inizio è un eufemismo. Le prospettive finanziarie per l’anno stanno peggiorando con l’inasprimento delle restrizioni di viaggio da parte dei governi”, ha avvertito de Junian, chiedendo ulteriori misure di soccorso da parte dei governi. “È fondamentale che i governi sviluppino e condividano i loro piani di ripartenza insieme ai parametri di riferimento che li guideranno. Questo permetterà all’industria di essere pronta ad energizzare la ripresa senza inutili ritardi”, ha aggiunto de Juniac.

A suo parere, sono urgentemente necessari standard globali per registrare in modo sicuro i test e i vaccini in formati riconosciuti a livello internazionale.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.