Presto “made in Austria” aereo con motore elettrico

“E’ un piccolo velivolo con un motore elettrico silenzioso”. A studiarlo l’Università Tecnologica di Vienna e la stratup tech Volare Gmbh

Un piccolo aereo ecosostenibile per rotte di medio raggio, a propulsione elettrica ma silenzioso. E’ il progetto a cui stanno lavorando i tecnologi della startup austriaca Volare GmbH e dell’Università Tecnologica di Vienna e, per la prima volta al mondo, la startup tech sta sviluppando aerei alimentati elettricamente ed ora sta lavorando ad un piccolo aereo ecosostenibile per rotte di medio raggio, con il suo marchio Apeleon. Il velivolo “è progettato per combinare i vantaggi di un aereo con quelli di un elicottero” ha annunciato Aba- Austrian Business Agency, l’agenzia per lo sviluppo economico in Austria e di proprietà del Ministero federale per la digitalizzazione e l’economia (Bmdw).

“I sistemi di propulsione elettrica e le moderne soluzioni di accumulo di energia come batterie o celle a combustibile permettono infatti di effettuare questo tipo di spostamenti in modo ecologico” ha spiegato ancora l’agenzia che, nell’ambito della campagna Research Location Austria, con Aba-Invest in Austria dà risalto “ad interessanti risultati di progetti che si sono svolti in Austria, Nel perimetro del progetto, l’Università Tecnologica di Vienna ha esaminato l’acustica dei motori ed è riuscita “a ridurre il livello di rumore degli aerei”. Gli esperti hanno ricordato infatti che “anche i motori alimentati elettricamente generano forti correnti d’aria che a loro volta causano turbolenze e vibrazioni meccaniche e rappresentano quindi la principale causa di rumore negli aerei”.

Stefan Schoder, esperto di aeroacustica dell’Istituto di Meccanica e Meccatronica dell’Università di Tecnologia di Vienna ha riferito che Volare ha messo a disposizione dell’ateneo “un prototipo di motore elettrico che abbiamo potuto esaminare nel nostro laboratorio di acustica appositamente attrezzato”. “Una serie di diversi microfoni – ha aggiunto Schoder- ci ha permesso di determinare quali parti del motore fossero maggiormente responsabili della generazione del rumore. Le risonanze acustiche si verificano a determinate gamme di velocità e viene emessa molta energia acustica”.

Per questo motivo, Stefan Schoder e il suo team hanno lavorato insieme a Volare su un sistema che facilitasse l’assorbimento acustico, “sistema che è stato installato nel motore”. Grazie a questa collaborazione, “il rumore provocato dal motore elettrico è già stato ridotto sensibilmente, ma sono in programma nuovi passaggi di ottimizzazione per ulteriori riduzioni di rumore” ha anticipato infine l’Austrian Business Agency. (di Andreana d’Aquino-AdnKronos))

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.