Zone franche montane: 25° giorno di presidio allo svincolo Irosa

Sono passati 25 giorni da quando è partito il presidio a Irosa, allo svincolo per Catania e Palermo, del comitato promotore per la legge che istituirebbe le Zone franche montane di Sicilia e i 132 sindaci dei Comuni coinvolti.

Alla base della protesta la richiesta del via libera alla legge che permetterebbe di defiscalizzare tutte le attività imprenditoriali presenti nelle zone montane. Attualmente i 132 comuni sono in attesa che il ddl passi al vaglio del Parlamento dopo che è stato approvato all’unanimità all’Assemblea regionale siciliana a dicembre 2019.

Oggi al presidio sono presenti esponenti politici di Valledolmo e Zafferana Etnea. “L’istituzione delle Zfm è lo strumento attraverso il quale si può garantire la crescita di territori e comunità come la nostre – dice dal presidio Peppuccio Catania, presidente del Consiglio comunale di Valledolmo (Palermo) – che per decenni hanno subito l’attrattività dei grossi centri e dei capoluoghi. Si potrà così garantire ai giovani, con una fiscalità di sviluppo, la possibilità di restare nei centri minori, in ambienti sani e puliti”.

“Le Zfm sono uno strumento importantissimo per i nostri territori – aggiunge l’assessore al Turismo di Zafferana Etnea (Catania) – Molti giovani vogliono restare nei propri paesi. La Sicilia non può perdere questa importante opportunità: oggi più che mai bisogna ripartire dai territori”. 

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.