Whuan: due membri Oms positivi, Cina blocca ingresso

E’ arrivato nella megalopoli cinese di Wuhan il team di esperti dell’Oms incaricati di studiare le origini della pandemia di Covid-19. Lo riferisce l’agenzia ufficiale cinese Xinhua, aggiungendo che gli esperti lavoreranno con “gli scienziati cinesi”. All’arrivo, riporta l’agenzia Dpa, gli esperti sono stati sottoposti al test per il coronavirus e dovranno rispettare una quarantena di due settimane. La Cgtn ha trasmesso in diretta l’arrivo del team di esperti dell’Oms all’aeroporto di Wuhan da Singapore. Il team è composto da esperti di Germania, Australia, Danimarca, Usa, Giappone, Paesi Bassi, Regno Unito, Russia, Qatar e Vietnam.

Le autorità cinesi hanno sottolineato che lavoreranno con gli scienziati del gigante asiatico, “raddoppiando” così “l’impegno comune di entrambe le parti per capire meglio il virus ed evitare in modo più efficace la diffusione in futuro della malattia contagiosa”. Si tratta di capire “l’origine del virus” e “non di trovare colpevoli”, ha detto martedì il direttore per le emergenze sanitarie dell’Oms, Michael Ryan.

Secondo il Wall Street Journal, che cita alcune fonti, la Cina avrebbe negato l’ingresso a due componenti del team di esperti dopo che entrambi sono risultati positivi al test sierologico per il Covid-19. Secondo le fonti, i due sono stati bloccati prima di salire sull’aereo che da Singapore ha portato la delegazione nella a Wuhan. Il giornale conferma che il resto della delegazione è invece arrivata a destinazione. (AdnKronos)

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.