Covid: in Sicilia dieci cittadine in Zona Rossa

La Sicilia in “assedio” Coronavirus, per il momento, resta “Zona Arancione”, ma già con 10 cittadine bloccate come “Zona Rossa”.

Da domani, sabato 21 novembre fino a giovedì 3 dicembre, viene prorogata la decisione per  Bronte (nel Catanese), Cesarò e San Teodoro (in provincia di Messina), Misilmeri (nel Palermitano) e Vittoria (in provincia di Ragusa); a questi paesi  si aggiungono:adesso  Maniace (in provincia di Catania),.Acate, e Comiso (nel Ragusano), Camastra (in provincia di Agrigento), Ciminna (in provincia di Palermo).

I provvedimenti complessivi sono stati presi dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, dopo consultazione con i sindaci dei Comuni interessati e viste le relazioni dei dipartimenti di Prevenzione delle Aziende sanitarie provinciali, che segnalano un aumento dei contagi.

“Ci aspettiamo – dichiara il governatore Musumeci – che le misure adottate siano sempre oggetto di controllo. Se viene stabilito dal Dpcm che i presidenti di Regione possano adottare disposizioni più restrittive, infatti, si impone che le verifiche siano esperite dalle prefetture. Altrimenti anche la speranza di limitare il contagio viene meno, esasperando inutilmente le popolazioni alle quali sono stati chiesti dei sacrifici” ,

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.