Catania: al Museo dello Sbarco, incontro con Alfonso Lo Cascio

Appuntamento venerdì 23 ottobre 2020 alle ore 17,00 presso il Museo storico dello Sbarco in Sicilia (Complesso delle Ciminiere) Piazzale Chinnici a Catania, con il giornalista Alfonso Lo Cascio, autore del libro: “1943. La Reconquista dell’Europa. Dalla conferenza di Casablanca allo sbarco in Sicilia” (Giambra Editori). L’incontro con l’autore è stato organizzato da UnitelmaSapienza, BCsicilia, Biblioteca Regionale “Giacomo Longo” di Messina, in collaborazione con la Città Metropolitana di Catania, il Museo storico dello Sbarco in Sicilia, e le Associazioni “La Sicilia nella Grande Guerra 1915 1918” e “Historica XX secolo”. Dopo i saluti istituzionali di Vito Bentivegna, Commissario Straordinario della Città Metropolitana di Catania, di Salvino Maltese, Direttore del Polo Museale di Catania, di Maria Teresa Di Blasi, Presidente BCsicilia Sede di Catania, di Marco Garofalo, Vicepresidente Nazionale Associazione Historica XX secolo e Giuseppe Mazzaglia, Presidente del Comitato “La Sicilia nella Grande Guerra 1915-18”, sono previsti gli interventi di:  Tommasa Siragusa, Direttrice della Biblioteca Regionale Universitaria “Giacomo Longo” di Messina e Domenico Interdonato, Direttore Unitelma Sapienza Polo di Messina. Coordina il giornalista Luciano Mirone. I lavori si concluderanno con l’intervento  dell’autore e il dibattito con il pubblico. E’ possibile effettuare, a partire delle ore 15,00 (fino alle 16,45), la visita guidata al “Museo storico dello Sbarco in Sicilia 1943” e al “Museo del Cinema” (per l’occasione con il 50% di sconto sul biglietto d’ingresso) e alla mostra di carte geografiche antiche della Sicilia (ingresso gratuito). L’evento si svolgerà nel rigoroso rispetto delle norme anti Covid. Obbligatorio l’uso della mascherina.

Il volume: Il 1943 segna la svolta della Seconda guerra mondiale. La notte tra il 9 e il 10 luglio non fu solo il momento dello sbarco degli Alleati in Sicilia ma anche il giorno in cui inizia la “Reconquista” dell’Europa, quella lunga rincorsa che si concluderà soltanto a Berlino e riporterà il vecchio continente nell’alveo della libertà e della democrazia. Ma è soprattutto la scelta operata a gennaio nella Conferenza di Casablanca della “resa senza condizioni” che determina il punto di non ritorno: dopo quella risoluzione nulla sarà più come prima.

Attraverso il racconto degli avvenimenti, il libro ripercorre quanto accadde in quei mesi. A partire dalle premesse che favorirono l’incontro di Casablanca e i contatti tra gli alleati che portarono a una maggiore unità di intenti e obiettivi comuni, le ragioni degli assenti, ma anche di coloro che furono “costretti” a prendere parte alla Conferenza e, infine, le decisioni che ne scaturirono, consegnate alla storia con la dichiarazione finale e gli accordi per il proseguimento della guerra. Presente anche una breve cronistoria dell’evento: la ricostruzione giorno per giorno di ciò che avveniva nell’Anfa Camp, la zona militarizzata, creata appositamente e posta sotto la stretta vigilanza dai soldati americani, all’interno della quale si svolse l’incontro.

Vengono descritte le conseguenze della riunione di Casablanca e le reazioni in Italia da parte del regime, della monarchia e del Vaticano, inoltre i motivi per cui gli Alleati scelsero di invadere la Sicilia e i complessi preparativi dell’Operazione Husky, il più grande intervento militare nel Mediterraneo. Immancabile, quando si affronta l’argomento, un capitolo sul ruolo della mafia nello sbarco, che ha visto per molto tempo contrapporsi tesi diverse, anche alla luce dei nuovi documenti resi disponibili dagli archivi militari. E infine il momento in cui si materializzano le scelte della Conferenza: l’occupazione del “ventre molle dell’Asse”, con gli Alleati che muovono il primo attacco alla “Fortezza Europa” e conquistano, in appena 38 giorni, l’intera isola.

L’autore: Alfonso Lo Cascio, Giornalista pubblicista, è da anni impegnato nell’ambito del volontariato culturale. Tra i fondatori di BCsicilia, l’Associazione a carattere regionale che si occupa di salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali e ambientali, oggi ne è Presidente regionale. Ha inoltre dato vita all’Università Popolare di Termini Imerese. E’ Direttore della rivista Espero che si occupa di cultura, politica, informazione. Già componente della redazione dell’autorevole rivista “Segno” e collaboratore del prestigioso settimanale “Centonove”, suoi scritti compaiono su diversi giornali e riviste. E’ stato inoltre direttore de “I racconti di Luvi”, quadrimestrale di Letteratura, poesia e cultura, e fondatore della Casa editrice Don Lorenzo Milani. Ha tenuto relazioni e interventi in molti convegni e tavole rotonde. Ha pubblicato: “Castelli e Torri della costa, da Termini a Solanto”, “Himerensis, Agenda dei paesi del termitano”, La riserva di Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Mazzamuto”, “Ascuta lu cantu, antologia di poeti del comprensorio di Termini, Cefalù, Madonie”, “Un eroe semplice”. Per il suo impegno culturale gli sono stati assegnati i premi “Quattro arcangeli”, “Sikelè” e “Gaia”.

Potrebbero interessarti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.