Coronavirus: la domenica più tragica dall’inizio della pandemia

Una domenica di tragedia per quanti seguono, volenti o nolenti, gli aggiornamenti dei dati forniti dalle Autorità Sanitarie. Arriva il bollettino odierno e sebbene il commissario Angelo Borrelli parta dai numeri relativi a guariti e positivi, il numero che fa impressione è sempre quello relativo ai deceduti: 651 soltanto oggi. Meno rispetto alla giornata di ieri ma pur sempre un numero elevatissimo che porta il totale delle vittime a 5.476 dall’inizio di questa emergenza.

Fra le vittime altri due medici, si tratta di Vincenzo Leone, medico di medicina generale di Bergamo e Antonio Buonomo, medico legale di Napoli. Sono così venti i medici deceduti a causa del virus Sars-nCoV-2.

Le persone guarite sono 7.024 (952 in più), il totale dei casi attualmente positivi è 46.638, con un incremento di 3.957. In isolamento domiciliare 23.783 persone, 19.846 sono ricoverate e 3.009 (6%) sono in terapia intensiva.

Intanto da domani saranno operative le novità annunciate in diretta Facebook ieri sera dal premier Conte. Il decreto è stato firmato in questi minuti dal premier (19.30), nel frattempo una nuova circolare ministeriale annuncia il divieto di spostamento per le persone fisiche fra comuni diversi. Ma più che un annuncio è un ribadire quanto già era stato stabilito. L’emergenza è, a nostro modesto parere, nel caos. E c’è ben poco da giustificare.


Foto copertina da: L'Eco di Bergamo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.